Archivio giornaliero 1 Novembre 2017

Io e Dio (Piero Infante).

Ve vojo riccontà ‘na Storia strana
Che m’è successa propio l’artra settimana

Camminavo pe’ r vialone davanti alla Chiesa der paese
quanno ‘na strana voja d’entrà me prese

Sia chiaro non so mai stato un Cristiano praticante
se c’era un matrimonio, se vedevamo al ristorante

Ma me so sentito come se Quarcuno,
me Dicesse: “dai entra, nu’ c’è nessuno”

Un misto de voja e paura m’aveva preso
ma ‘na vorta dentro, restai sorpreso

La Chiesa era vota, nun c’era nessuno
La voce che ho sentito era la mia, no de quarcuno

C’erano quattro panche e un vecchio Crocifisso de nostro Signore
“Guarda te se a chiamamme E’ Stato er Creatore”

Me gonfiai er petto e da sbruffone gridai: “ So passato pè un saluto”
Quanno na Voce me Rispose: ”mo sei entrato, nu fa lo scemo...

Leggi di più

Sarvato pe n’erore (Piero Infante).

Che è rimasto de na Vita Che Era?

Na lastra de marmo e du fiori per Tera.

So scomparso così, de improvviso

manco er Tempo de salutà er mi fijo, faje un soriso

E mò n’do me trovo? Dar freddo che fà deve da esse Inverno

de certo nu’n è er Paradiso, ma manco l’inferno.

So scampato all’inferno, in quarche modo me sò Sarvato

ma come po’ esse se nu’n ho mai Pregato?

No, no no quarcosa nu’ torna, devo parlà co qurcuno

ma co chi? qua sto solo, nu’n c’è nesuno…

Quanno morì pora nonna er Prete me disse: ora è in Cielo che Prega pe te”

Ma dove? E n’do stanno l’artri morti prima de me?

Solo adesso riesco a vede er disegno completo della mia Vita

Me faccio schifo, ma come rimedià? Ormai è finita

Ho fatto quello che m’è parso… ho sempre rifiutato la Fede

Ricer...

Leggi di più