Il Santo Vangelo del Giorno Sabato 25 novembre 2017 (2024) A.D. – Vieni, Amato Signore Gesù!

 

 

Alla Beata Sempre Vergine Maria, Madre di Gesù e Avvocata nostra! Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Principio Era il Verbo, il Verbo Era Presso Dio e il Verbo Era Dio. Egli Era in Principio Presso Dio: Tutto E’ Stato Fatto per Mezzo di Lui, e senza di Lui niente E’ Stato Fatto di Tutto Ciò Che Esiste. In Lui Era la Vita e la Vita Era la Luce degli uomini; la Luce Splende nelle tenebre, ma le tenebre non L’hanno accolta. Venne un Uomo Mandato da Dio e il Suo Nome Era Giovanni. Egli Venne Come Testimone per Rendere Testimonianza alla Luce, perché tutti Credessero per Mezzo di Lui. Egli non Era la Luce, ma Doveva Render Testimonianza alla Luce. Veniva nel mondo la Luce Vera, Quella Che Illumina ogni uomo. Egli Era nel mondo, e il mondo Fu Fatto per Mezzo di Lui, eppure il mondo non Lo riconobbe. Venne Fra la Sua gente, ma i Suoi non L’hanno accolto. A quanti però L’hanno accolto, Ha Dato Potere di Diventare Figli di Dio: a quelli che Credono nel Suo Nome, i quali non da Sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio Sono Stati Generati. E il Verbo Si Fece carne e Venne ad Abitare in Mezzo a noi; e noi vedemmo la Sua Gloria, Gloria Come di Unigenito dal Padre, Pieno di Grazia e di Verità. Giovanni Gli Rende Testimonianza e Grida: “Ecco l’Uomo di Cui io dissi: Colui Che Viene Dopo di me mi E’ Passato Avanti, perché Era Prima di me”. Dalla Sua Pienezza noi tutti Abbiamo Ricevuto e Grazia su Grazia. Perché la Legge Fu Data per Mezzo di Mosè, la Grazia e la Verità Vennero per Mezzo di Gesù Cristo. Dio nessuno L’ha mai visto: Proprio il Figlio Unigenito, Che E’ nel Seno del Padre, Lui Lo Ha Rivelato. (Gv 1, 1-18).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, dobbiamo notare che anche ad un cieco non sfuggirebbe Quanto attorno Sta Avvenendo, Come il Tutto Cambi Velocemente. Sarà il Caso d’Osservare il Cielo ulteriormente – ponendo ogni cosa in vera discussione e cambiandoci d’Abito, poiché la Vita E’ un’Altra Cosa rispetto a quanto noi Credevamo. Infatti, non v’è Salvezza alcuna senza il Cristo, Rammentiamolo, benché convinti di poter bastare a noi stessi. Dalla Purezza dei Bimbi Ripartirà il Signore, non avendo noi adulti meritato granché! Benedetto nei Secoli il Signore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Messaggi delle Autorità Celesti

(a Giuseppe Auricchia)

 

La Verità di Dio E’ Limpida, E’ Pura

Vivere nello Spirito di Verità E’ Ciò Che Piace a Dio

Nel Nome della Verità Annunziava a tutti i popoli

 

Avola, martedì 08 Settembre 2009  – Natività di Maria Vergine

(Messaggio privato della Madonna del Pino)

 

 

 

 

Giuseppe Auricchia. “Mi trovo in Chiesa per la Santa Messa, dopo la Comunione vedo Maria, la Madre di Dio, Sconvolta dal dolore, Che Così mi Dice: “Giuseppe, Piccolo Strumento Mio, scrivi, non temere. Oggi Siate Tutti Benedetti dal Mio Cuore Materno e Addolorato, Oggi Vengo per Trasmettervi Queste Parole Che tu Attentamente Ascolterai e scriverai per Tutti i Figli della Terra, mentre il tuo Cuore è lacerato dai tuoi Fratelli, anche da coloro che hanno la responsabilità di capire e metterLi in pratica. Uomini non mentite, in nessun caso dire il falso Contro il Prossimo, né contro i tuoi Fratelli Innocenti. Renditi Conto Che la Verità di Dio E’ Limpida, E’ Pura, mentre la menzogna oscura la Verità e la tua Mente, Renditi Conto sempre di Vivere nello Spirito di Verità, E’ Ciò Che Piace a Dio. A qualunque Costo Dovete Testimoniare e Parlare con Verità, non Vivere nella menzogna colpa del tuo orgoglio e del tuo io, rifiuta di essere strumento del male, rifiuta di ledere la Dignità della persona Umana Testimoniando Contro la Verità. Renditi Conto quanto male potresti provocare Contro di Me e dei tuoi Fratelli Testimoniando il falso. Figli, Io vi Amo, in Questo Giorno Santo e Benedetto vi Chiedo – da Madre Addolorata, di Recuperare fin da ora la vostra Purezza del Cuore, Vivendo nella Verità, siate Semplici Come lo Sono Io, seguite sempre l’Esempio del Mio Diletto Figlio Gesù Cristo, Dio e Salvatore di tutti gli uomini, nel Nome della Verità Annunziava a tutti i Popoli il Suo Vangelo, in Nome della Verità Egli Fu inchiodato sulla Croce ed in Nome della Verità vi Ha Richiamati nel Messaggio del 30 agosto scorso – (La Via della Verità è la Vita: Gesù il 30/08/09), con Parole di Amore perché Lui E’ Dio d’Amore. Figli, ascoltateMi se Mi Amate, se volete Che Io Sia ancora la Guida della vostra Vita. Benedicendovi Io, Maria Madre Addolorata per Causa del vostro peccato. Benedicendovi sono Maria Addolorata”.

 

 

 

 

 

 

 

Io non Sono là dove voi siete

Lo Spirito Si Serve della materia

Essere Perfetti Come il Mio Vangelo, Unica Legge d’Amore

 

Avola, 14 Settembre 2009 – L’Esaltazione della Santa Croce

(Messaggio del Signore Gesù)

 

 

 

Giuseppe Auricchia. “Prego intensamente per tutti gli Ammalati del Corpo e dello Spirito, ma Prego di più Gesù dicendo: Dolce mio Gesù Vi Amo, Vi Adoro, Vi Supplico con tutto l’Essere della mia Anima per un Sacerdote, Vostro Ministro. SalvateLo Gesù, Fate Che Possa Salire l’Altare per Celebrare la Vostra Liturgia, i Misteri Divini della Vostra Passione, Morte e Resurrezione. Allora vedo una Luce Che mi Avvolge e mi Acceca la Vista, E’ il mio Dolce Gesù e Così mi Dice.

Signore Gesù: “Giuseppe scrivi, non avere paura, Si, Sono Io, il tuo Signore Che ti Comanda di Scrivere e tu Oggi Scriverai per i Miei Sacerdoti. Giuseppe, non fermare il Mio Messaggio d’Amore e di Vita, non ascoltare coloro che ti demoliscono per farti cambiare e Vivere nella loro Pace, che non hanno. Se ti fermi, non potrai più SeguirMi e Sentire la Mia Voce. Strumento Mio, Scrivi Ciò Che ti Rivelo, Scrivi per i Miei Sacerdoti. Fratelli Miei, Figli Miei, Servi perduti, Sacerdoti confusi dal frastuono del mondo, ascoltateMi. Io non Sono Là dove voi siete, Io Sono sulla Croce e Vi Sarò per Sempre, Fino a Che voi non Ritornate Insieme – con Tutta l’Umanità, ad Essere Figli di Dio. Io Sono con voi Fino all’Ultimo Giorno, Giorno del Giudizio. Io Sono e Sarò con voi Fino alla Fine dei Tempi. Ascoltate Miei Sacerdoti, Ascoltate, voi vedrete le Mie Lacrime di Sangue! Ascoltate, Bagnate le vostre labbra con le Mie Lacrime, perché Sono Lacrime di Sangue Divino. Piango Sangue, Ho Sudato Sangue nel Getsemani, ed Ora Piango Sangue per voi Sacerdoti, Vescovi, Che non Credete alla Nostra Presenza sulla Terra. I Miei Occhi Sono Accecati dal peccato dell’uomo. Un uomo ormai ridotto ad una bestia. Una bestia Che Potrebbe Essere, Attraverso di voi, Elevata alla Dignità Gloriosa di Figlia di Dio, Là Dove Siete voi. Io vi Ho Riscattati e voi Siete Miei, Totalmente Miei. Venite, Venite a Me Sacerdoti, AccarezzateMi ed Io Accarezzerò le vostre Anime, il vostro Spirito vi Accarezzerà per l’Eternità. Figli Miei, Dovete Rinnovarvi Dentro, Dentro di voi, poiché il Rinnovamento della Chiesa Deve Essere Compiuto Dentro di voi Sacerdoti. Il Sacerdote Deve Cambiare, Deve Santificarsi. Il Sacerdote E’ Ministro di Dio e Deve Essere Luce, non scandalo. Molti di voi lo sono! Il Rinnovamento non Serve Farlo con le Regole, le Regole Sono per la Chiesa Istituzionale ed Essa non Può Vivere Senza la Chiesa Spirituale.Lo Spirito Si Serve della materia, Così Cristo Gesù Si Serve della Chiesa, Tempio di Dio. Il Corpo, il vostro Corpo, Cari Miei Sacerdoti! Molti di voi in Questi Tempi tenebrosi, Mi Disgustano con i loro atti, le vostre piccolezze e cattiverie peccaminose, che Spiritualmente non Sono Secondo la Mia Legge. Ascoltate Ciò Che Io in Questi Ultimi Tempi vi Faccio Sapere, attraverso i Miei Messaggeri, per Rendervi Edotti di Ciò Che Deve Avvenire. In Questo Giorno dell’Esaltazione della Mia Croce, se non Ascoltate i Miei Servi e Serve, Anime Elette, Vittime per voi stessi e per la Mia ancora non Terminata Resurrezione; se non Applicherete e non Metterete in Pratica Ciò Che Essi Dicono Attraverso i Loro Scritti, Che non Sono Loro, e le Loro Bocche Che Parlano per Me, Ricordo a voi Sacerdoti, Che il Padre Mio Viene per Ricondurvi all’Obbedienza, poiché non riuscite ad Essere Perfetti Come il Mio Vangelo, Unica Legge d’Amore, perché Io Sono Amore. Sacerdoti Miei, seguite il Mio Amore, Amatevi l’un l’altro, Amate il Mio Popolo. Prendete Esempio dai Miei Apostoli degli Ultimi Tempi, Ricordatevi, Essi Sono i Nuovi Testimoni della Mia Verità. A voi Dico Sacerdoti, Vescovi, Cardinali, Che in Questo Giorno Benedite il Mio popolo, su di voi Scende il Mio Spirito Che Accarezza le vostre Anime. Benedicendovi, Gesù di Nazareth”.

 

 

 

 

 

 

 

Vedo una Donna Vestita di Sole Che Appare nel Cielo

Viene il Figlio della Donna Vestita di Luce

Compiere Tutto Ciò Che la Madonna Ha Chiesto a Fatima

 

Avola, 15 Settembre 2009 – La Beata Vergine Maria Addolorata

(Visione e Messaggio privato della Madonna del Pino)

 

 

 

 

 

Giuseppe Auricchia. “E’ la Notte del 15 Settembre 2009. Mi Chiama la Madonna: “Svegliati non E’ Ora di dormire”. Vado Dinanzi alla Sua Immagine, mi Inginocchio, vedo la Vergine Maria, Porta un Vestito Bianco Tutto di Luce. Porta in Braccio un Bambino Avvolto in un Panno Luminoso, poi mi Dice: Vergine Maria: “Figlio, Oggi ti Farò Scrivere un Messaggio”. Mi Dice di Guardare Dietro di Lei. C’Era un Trono Pieno di Luce. “Tu scriverai dopo che hai visto e sentito”. Giuseppe Auricchia: “Io vedo le Potenze del Cielo Che Si Scatenano. Angeli Che Combattono contro esseri mostruosi. Un Fumo Bianco Che Cade sulla Terra. Poi una Grande Fumata nera Che Avvolge la Polvere Bianca. Due Angeli Che Suonano una Grande Tromba. Sento un Rombo dal Cielo, vedo un Grande Fuoco Che Avvolge il Cielo. Questo Fuoco Resta Sospeso sulla Terra, mentre il Fuoco Che Cade sulla Terra, Dove Arriva, Avvolge e Tutto Diventa Verde e Tranquillo. II Fuoco Cadeva sulle Case, alcune venivano distrutte, altre Venivano Avvolte da una Grande Luce, e Si Sentivano Suoni di Tromba e Glorificazione al Figlio di Dio. Cade ancora Fuoco sopra un Fiume di Acqua limpida, Ispira Pace e Tutti Prendono l’Acqua per Bere. Nelle case, Passata la Grande Luce non vi è più paura, non vi è più lotta, ma Solo Amore e Purezza. Non vi sono più marito e moglie, Solo Amore Reciproco. Gli Angeli, Che Suonano una Grande Tromba, Intonano un Canto da Destare Tutto il Creato. Vedo una Donna Vestita di Sole Che Appare nel Cielo e un dragone rosso con tutte le sembianze, vorrebbe avvicinarsi, ma la Donna con un Solo Sguardo lo Fa Precipitare ove non si riesce a vedere il punto finale. Sopra una Grande Nuvola, con una Grande Potenza, Viene il Figlio della Donna Vestita di Luce, Posandosi sulla Terra, Tutto Diventa Tranquillo e Luminoso. Gli Angeli Elevano un Canto Dolcissimo e il Figlio della Donna Chiama a Sé Tutte le Creature Che Gli Sono State Fedeli. Mentre da quelli che vengono allontanati, si sentono grida e lamenti; Gioia e Amore Son per Chi E’ Vicino al Figlio della Donna. Le Chiese Inizieranno a Fiorire, Emaneranno Profumo di Rose e Gigli. I  Celebranti Parlano Lingue Nuove. I Loro Occhi Contemplano il Figlio della Donna. Le Loro Labbra non Fanno Che Rendere Lode. Lo Spirito Santo Chiede al Papa di Compiere Tutto Ciò Che la Madonna Ha Chiesto a Fatima e in Tutti i Luoghi delle Sue Apparizioni, ai Suoi Eletti di Questi Ultimi Tempi. La Madonna Benedice Tutti. Presto ogni casa, ogni Famiglia Vivrà in Sé la Gioia di Avere Visto la Donna Vestita di Sole e il Suo Diletto Figlio”.

 

 

 

 

 

 

 

Lui, il Pane Vivente Offerto a Tutti gli Uomini

Deponete ai Piedi della Sua Croce tutti i vostri peccati

Venite con l’Anima Pura a Ricevere Gesù

Avola, domenica 27 Settembre 2009, ore 06:00

(Messaggio privato della Madonna del Pino)

 

 

 

 

 

Giuseppe Auricchia. “Pregavo Costantemente per tutti gli Ammalati di Corpo e di Spirito, dicendo: Gesù, Dolce mio Dio, Vi Amo, Vi Adoro. Vi Supplico Dolce Gesù e Maria per un Sacerdote; all’Improvviso una Luce Invade la mia stanza, vedo la Vergine Maria e Così mi Dice: “Io Sono la vostra Mamma, la vostra Mamma d’Amore, vi Do la Mia Benedizione affinché il vostro Cuore Si Apra alla Mia Parola, aprite bene le orecchie ed il Cuore alla Mia Volontà. Non dimenticate Che il Mio Divin Figlio E’ Venuto dal Cielo. Lui, il Pane Vivente Offerto a tutti gli uomini per la loro Salvezza e Resurrezione, Ecco il Dono di Dio, Offerto da Dio Stesso per Mezzo dell’Eucaristia. Come Soffre il Mio Cuore di Madre nel Vedere questi Cuori freddi e indifferenti nell’Accogliere Questo Supremo Dono di Grazia. Quanto Soffro a causa del vostro Cuore così impuro, sudicio, poco propizio a DonarSi al Mio Diletto Figlio. Figli Miei, vi Prego di non fare più soffrire il vostro Dio, il vostro Creatore, il Sacro Cuore, Questo Cuore di Madre Che vi Chiede, venite e avvicinatevi alla Mensa del Sacrificio, Deponete ai Piedi della Sua Croce tutti i vostri peccati, tutta la vostra sordità, Ricevete con Fiducia il Dono del Suo Amore Attraverso la Comunione. Figli del Mio Cuore, vi Chiedo aprite la vostra bocca a RiceverLo, aprite il vostro Cuore per AccoglierLo nella più Grande Umiltà, nella più Grande Semplicità. Ricevete il Suo Corpo, il Suo Sangue più Sovente per potervi Santificare,  l’Eucaristia E’ il Pane, il Cibo delle vostre Anime e nella vostra Vita l’Unico Legame con il vostro Salvatore. Vi Chiedo – Figli Miei, non lasciateMi più Sola, siete la Mia Consolazione, Quando Entrate nelle Chiese, non dimenticate di RivolgerMi un’Ave Maria, AffidateMi il vostro Cuore ed Entrerete nel Mio Cuore Divino, Sarete Veramente Figli di Dio e Luce dei Popoli. Venite con l’Anima Pura a Ricevere Gesù, il Mio Diletto Amato Figlio, e Riempirete i vostri Cuori della Sua Presenza in Mezzo a voi. Vi Benedico tutti Io, Maria Piena di Grazie”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

 

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Cristo, San Giuseppe coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato.  Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Figlio nostro Signore e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

O Signore, Quel Che poi Avverrà altro non Sarà Che il Normale Susseguirsi della Vita, coi Suoi Cambiamenti e Assetti. A noi spetta – però, di pensare alla Purezza dello Spirito, affinché Tu ci Possa Trovar Pronti a sedere alla Magnifica Tavola Reale, Imbandita a Festa per il Grande Giorno.

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per gif animate del Vangelo

 

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Signore, per Mezzo del Prezzo Esorbitante Che il Tuo Amore non Ha Esitato a Pagare, Hai Fatto di noi i Figli della Risurrezione, e noi Siamo già Entrati nella Vita Che Dura in Eterno, Rendendoci Contemporanei dei Santi dei Secoli passati, e della Gloria a venire. Sussulti di Vita e Giubilo per coloro che si aprono a Questa Vita: Mosè ed Elia Sono Vivi, Abramo E’ Vivo, Maria E’ Viva, Come Tutti gli Abitanti del Cielo, e Comunicano con noi nella Sovrabbondanza della Vita. Lode e Gloria a Te, nostra Vita.

Dal Primo Libro dei Maccabei 1Mac 6,1-13

In Quei Giorni, mentre il re Antioco percorreva le regioni settentrionali, sentì che c’era in Persia la città di Elimàide, famosa per ricchezza, argento e oro; che c’era un tempio ricchissimo, dove si trovavano armature d’oro, corazze e armi, lasciate là da Alessandro, Figlio di Filippo, il re macèdone che aveva regnato per primo sui Greci. Allora vi si recò e cercava di impadronirsi della città e di depredarla, ma non vi riuscì, perché il suo piano fu risaputo dagli abitanti della città, che si opposero a lui con le armi; egli fu messo in fuga e dovette ritirarsi con grande tristezza e tornare a Babilonia. Venne poi un messaggero in Persia ad annunziargli che erano state sconfitte le truppe inviate contro Giuda. Lisia si era mosso con un esercito tra i più agguerriti, ma era stato messo in fuga dai nemici, i quali si erano rinforzati con armi e truppe e ingenti spoglie, tolte alle truppe che avevano sconfitto, e inoltre avevano demolito l’abominio da lui innalzato sull’Altare a Gerusalemme, avevano cinto d’alte mura, come prima, il santuario e Bet-Sur, che era una sua città. Il re, sentendo queste notizie, rimase sbigottito e scosso terribilmente; si mise a letto e cadde ammalato per la tristezza, perché non era avvenuto secondo quanto aveva desiderato. Rimase così molti Giorni, perché si rinnovava in lui una forte depressione e credeva di morire. Chiamò tutti i suoi amici e disse loro: «Se ne va il sonno dai miei occhi e l’Animo è oppresso dai dispiaceri. Ho detto in Cuor mio: in quale tribolazione sono giunto, in quale terribile agitazione sono caduto, io che ero così fortunato e benvoluto sul mio trono! Ora mi ricordo dei mali che ho commesso a Gerusalemme, portando via tutti gli arredi d’oro e d’argento che vi si trovavano e mandando a sopprimere gli abitanti di Giuda senza ragione. Riconosco che a causa di tali cose mi colpiscono questi mali; ed ecco, muoio nella più profonda tristezza in paese straniero».  Parola di Dio.

Salmo 9

Esulterò, Signore, per la Tua Salvezza. Renderò Grazie al Signore con Tutto il Cuore, Annuncerò Tutte le Tue Meraviglie. Gioirò ed Esulterò in Te, Canterò Inni al Tuo Nome, o Altissimo.  Esulterò, Signore, per la Tua Salvezza. Mentre i Miei nemici tornano indietro, Davanti a Te inciampano e scompaiono.  Hai Minacciato le nazioni, Hai Sterminato il malvagio, il loro nome Hai Cancellato in Eterno, per Sempre.  Esulterò, Signore, per la Tua Salvezza. Sono sprofondate le genti nella fossa che hanno scavato, nella rete che hanno nascosto si è impigliato il loro piede.  Perché il Misero non Sarà mai Dimenticato, la Speranza dei Poveri non Sarà mai Delusa.  Esulterò, Signore, per la Tua Salvezza. 

Canto al Santo Vangelo (cf. 2Tm 1,10)

Alleluia, Alleluia.  Il Salvatore nostro Cristo Gesù Ha Vinto la morte e Ha Fatto Risplendere la Vita per Mezzo del Vangelo.  Alleluia.

Dal Santo Vangelo Secondo Luca (20,27-40)

In Quel Tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è Risurrezione – e Gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci Ha Prescritto: “Se muore il Fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza Figli, suo Fratello prenda la moglie e dia una Discendenza al proprio Fratello”. C’erano dunque sette Fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza Figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare Figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla Risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».   Gesù Rispose loro: «I Figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma Quelli Che Sono Giudicati Degni della Vita Futura e della Risurrezione dai morti, non Prendono né moglie né marito: infatti non Possono più morire, perché Sono Uguali agli Angeli e, poiché Sono Figli della Risurrezione, Sono Figli di Dio. Che poi i morti Risorgano, Lo Ha Indicato anche Mosè a Proposito del Roveto, Quando Dice: “Il Signore E’ il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non E’ dei morti, ma dei Viventi; perché Tutti Vivono per Lui». Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, Hai Parlato Bene». E non osavano più rivolgerGli alcuna domanda.   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Ci rifugiamo al Riparo della Tua Misericordia, Santa Madre di Dio, Porta del Cielo Sempre Aperta, Porta di Gerusalemme, Porta Che Si Aprì per il nostro Re, Porta del Paradiso, Porta di Beatitudine, Porta Attraverso Cui Giungiamo al Cielo, Porta del Pastore e delle Sue Pecore, Porta del nostro Riposo, Porta Che non Si Chiude per i Poveri, Porta di Cristo, del Suo Cuore e delle Sue Piaghe, Porta del Suo Amore da Cui Diffonde il Profumo di Purezza, Porta della Luce dello Spirito, Porta da Cui Risplende la Gioia, Porta del Sole di Giustizia.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

Leave a reply