Il Santo Vangelo del Giorno Domenica 17 giugno 2018 (2025) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’E’ Tornato tra noi nel Nome del  Padre!

 

Il Santo Vangelo odierno E’ Dedicato a tutte le Innocenti Vittime della umana crudeltà, non dimenticando – però ed in Carità, i Loro carnefici, poiché non han Creduto all’Amore Salvifico di Gesù Cristo. Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Principio Era Il Verbo, Il Verbo Era Presso Dio e Il Verbo Era Dio… E Il Verbo Si Fece Carne e Venne ad Abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo La Sua Gloria, Gloria Come di Unigenito dal Padre, Pieno di Grazia e di Verità. (Giovanni 1,1 e 14).

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato.  Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

 

Con il caos che imperversa in ogni parte della Terra, si resta spesso un po’ sorpresi nel vedere che molti sentono nel Cuore tutto quel che sta accadendo, pur facendo uso parco della Parola del Maestro. Non v’è luogo in cui riparare le stanche membra se non nei meandri della Fede Vera, Che Conduce alla Luce Salvifica del Signor nostro. Così come non v’è altra Strada da seguire che non Sia la Misericordia del Buon Pastore, Che al Suo Gregge Guarderà con l’Amore Che Gli E’ Proprio. Non lasciamoci ingannare dalle insidie di questo falso mondo, poiché da sempre la battaglia è tra il Bene e il male, che aggredisce l’Uomo Quale “Tempio di Dio”.  Ed E’ già tutto Scritto, prima ancor che noi Nasciamo! O Beata Vergine Maria della Rivelazione – Ch’E’ l’Apocalisse Permessa dall’Onnipotente, Abbi Cura di noi Figli Tuoi, specialmente in Questo Tempo di grande desolazione, poiché dovrà presto accadere tutto Quel Che tuttavia Sarà.  Onore e Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Amen!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Messaggio della Vergine Maria

(per gli Eletti degli Ultimi Tempi – 23 giugno 2010)

 

 

 

 

“Figli Miei, Sono a voi per Condurvi tutti Verso la Salvezza Eterna, Rendendo il Passaggio terreno il più Proficuo possibile, affinché vi ricordiate il Fine per il Quale siete Stati Creati. Abbiate Cura della vostra Anima, AlimentandoLa Giorno e Notte con la Presenza di Dio in voi Attraverso la Preghiera Continua. Date importanza ai Sacramenti, soprattutto alla Confessione, perché Essa Porta in voi il Perdono di Dio e la Riconciliazione con Lui, per Intraprendere il Cammino con Lo Spirito Santo, sulla Cui Opera Si Fonda ogni vostra azione. Abbiate Cura di voi stessi e Amatevi gli uni gli altri, Comprendendovi e Consolandovi a vicenda. Vi Benedico Figli Miei nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

Amos 6,8-14

8 Ha Giurato il Signore Dio, per Sé Stesso! Oracolo del Signore, Dio degli Eserciti. Detesto l’orgoglio di Giacobbe, Odio i suoi palazzi, Consegnerò la città e quanto contiene. 9 Se sopravviveranno in una sola casa dieci uomini, anch’essi moriranno. 10 Lo prenderà il suo parente e chi prepara il rogo, portando via le ossa dalla casa, egli dirà a chi è in fondo alla casa: «Ce n’è ancora con te?». L’altro risponderà: «No». Quegli dirà: «Zitto!»: non si deve menzionare il Nome del Signore. 11 Poiché Ecco: il Signore Comanda di fare a pezzi la casa grande e quella piccola di ridurla in frantumi. 12 Corrono forse i Cavalli sulle Rocce e si ara il Mare con i Buoi? Poiché voi cambiate il Diritto in veleno e il Frutto della Giustizia in assenzio. 13 Voi vi compiacete di Lo-debàr dicendo: «Non è per il nostro valore che abbiam preso Karnàim?». 14 Ora ecco, Io Susciterò contro di voi, gente d’Israele, – Oracolo del Signore, Dio degli Eserciti – un Popolo che vi opprimerà dall’ingresso di Amat fino al Torrente dell’Araba.

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

 

 

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 
 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Figlio nostro Signore e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

In Questo Nuovo Giorno vogliamo Alzare il nostro Sguardo Verso di Te, Signore nostro Dio, perché, GuardandoTi, la Semina Abbondante Che ci Hai Affidato Cresce e Fruttifica. Fa’ Che in Questo Giorno, con l’Aiuto Insostituibile del Tuo Spirito Santo, Cresciamo in Santità e in Obbedienza, e Che Piantiamo con Te il Seme della Buona Novella presso tutti gli uomini, nostri Fratelli. Amen.

Dal Libro del Profeta Ezechiele (Ez 17,22-24)

Così Dice il Signore Dio: «Un Ramoscello Io Prenderò dalla Cima del Cedro, dalle Punte dei Suoi Rami Lo Coglierò e Lo Pianterò Sopra un Monte Alto, Imponente; Lo Pianterò sul Monte Alto d’Israele. Metterà Rami e Farà Frutti e Diventerà un Cedro Magnifico. Sotto di lui tutti gli Uccelli Dimoreranno, ogni Volatile all’Ombra dei Suoi Rami Riposerà. Sapranno Tutti gli Alberi della Foresta Che Io Sono il Signore, Che Umilio l’Albero Alto e Innalzo l’Albero Basso, Faccio Seccare l’Albero Verde e Germogliare l’Albero Secco. Io, il Signore, Ho Parlato e Lo Farò». Parola di Dio.

Dal Salmo 91

È Bello Rendere Grazie al Signore e Cantare al Tuo Nome, o Altissimo, Annunciare al Mattino il Tuo Amore, la Tua Fedeltà lungo la Notte. Il Giusto Fiorirà Come Palma, Crescerà Come Cedro del Libano; Piantati nella Casa del Signore, Fioriranno negli Atri del nostro Dio. Nella Vecchiaia Daranno ancora Frutti, Saranno Verdi e Rigogliosi, per Annunciare Quanto E’ Retto il Signore, mia Roccia: in Lui non c’è malvagità.

Dalla Seconda Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi (2Cor 5,6-10)

Fratelli, sempre Pieni di Fiducia e sapendo che siamo in esilio Lontano dal Signore finché abitiamo nel corpo – Camminiamo infatti nella Fede e non nella visione –, siamo Pieni di Fiducia e preferiamo andare in esilio dal corpo e Abitare Presso il Signore. Perciò, sia abitando nel corpo sia andando in esilio, ci sforziamo di essere a Lui Graditi.  Tutti infatti dobbiamo Comparire Davanti al Tribunale di Cristo, per Ricevere ciascuno la Ricompensa delle Opere Compiute quando era nel corpo, sia in Bene che in male. Parola di Dio.

Canto al Santo Vangelo

Alleluia, Alleluia. Il Seme E’ la Parola di Dio, il Seminatore E’ Cristo: chiunque Trova Lui, ha la Vita Eterna. Alleluia. 

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Marco (Mc 4,26-34)

In Quel Tempo, Gesù Diceva alla folla: «Così E’ il Regno di Dio: Come un uomo Che Getta il Seme sul Terreno; dorma o vegli, di Notte o di Giorno, il Seme Germoglia e Cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il Terreno Produce Spontaneamente prima lo Stelo, poi la Spiga, poi il Chicco Pieno nella Spiga; e Quando il Frutto E’ Maturo, Subito Egli Manda la Falce, perché E’ Arrivata la Mietitura». Diceva: «A Che Cosa possiamo Paragonare il Regno di Dio o con Quale Parabola possiamo Descriverlo? È Come un Granello di Senape Che, Quando Viene Seminato sul Terreno, E’ il più Piccolo di Tutti i Semi Che Sono sul Terreno; ma, Quando Viene Seminato, Cresce e Diventa più Grande di tutte le Piante dell’Orto e Fa Rami Così Grandi che gli Uccelli del Cielo possono Fare il Nido alla sua Ombra». Con Molte Parabole dello Stesso Genere Annunciava loro la Parola, come potevano Intendere. Senza Parabole non Parlava loro ma, in Privato, ai Suoi Discepoli Spiegava Ogni Cosa.  Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Signore, vogliamo AffidarTi la Crescita Misteriosa del Tuo Regno.  Tu Sei Colui Che Concede di Crescere e Maturare. Benedicici affinché, in Questa Crescita Continua, noi ci Lasciamo Amare da Te. Crea in noi uno Spirito Fiducioso e Coraggioso, Che Lotti con Costanza e Distacco per il Tuo Regno di Pace. Fa’ Che Attendiamo il Giorno del Raccolto con una Fiducia Infinita nel Tuo Amore.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

Leave a reply