Il Santo Vangelo del Giorno Sabato 14 aprile 2018 (2025) A.D. – Nel Nome di Dio Padre Onnipotente:  ManifestaTi Nuovamente in Terra, o Cristo Gesù!

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato.  Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

 

 

 

 

L'immagine può contenere: pianta, fiore, notte, spazio all'aperto e natura

 

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissime, ci siamo lasciati condizionare troppo dal timore di morire, per poter scorgere i Motivi più Salienti del nostro Essere sulla Terra, di Qual Tipo Sia forse Stato il Disegno Originario del Creatore d’ogni Cosa per noi Creature di quaggiù. Un Dato – non da poco, E’ però Certo: il Figlio dell’Uomo – Supportato dalle Altre Autorità del Cielo, Ha Sempre Esortato tutti alla Preghiera, Come a Volerci Dolcemente Distrarre da un qualcosa proprio a noi non congeniale! Chi può – infatti, trascorrer una Serena Esistenza se votato e vicino in eccesso alla ormai vile materia? Pur non dovendo temer la morte – Che il Signore Ha Vinto al Solo Suo Passaggio, ma una mano al Cielo non sarà proprio il caso ora di darla? Ed evitiamo di fare come alcuni stolti, che trascinano le loro misere spoglie senza tener conto di alcunché, quasi fossero immortali, violando qualsivoglia buon criterio e lasciando – quindi, un non bel ricordo. Considerato che in ognuno Arde la Divina Fiammella, rimbocchiamoci le maniche e procediamo spediti verso la Luce, perché E’ Questo il Momento tanto Atteso. In Questo Santo Vangelo del Giorno di Sabato, porremo in Risalto la Magnifica Figura di Gesù Benedicente, Ch’E’ Propria della Sua Divina Misericordia! Chiunque desiderasse ricevere Aiuto – nell’intimo dei luoghi occupati, provi a Inginocchiarsi al Cospetto di Tale Regale Immagine, Pentendosi col Cuore d’ogni peccato, al fine di Ottener l’Agognata Celeste Grazia. Aspettiamo eventuali Testimonianze d’Amore e – magari, di Straordinarie Apparizioni, mentre auguriamo una Serena Giornata di Pace.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Opera scritta dalla Divina Sapienza per gli Eletti degli Ultimi Tempi

(02 agosto 2010)

 

 

 

 

 

Eletti, Amici Cari, TestimoniateMi. Il mondo ha bisogno di Testimonianza: i Miei Strumenti siano Attivi ed Operosi. Questo E’ il Tempo di dimostrare la Grande Felicità di essere Miei!”.

 

 

 

 

 

 

“Sposa Cara, ogni uomo cerca la Felicità, vuole essere Felice. In ogni Cuore C’E’, Vivo, tale Desiderio. Mi dici: “Dolce Amore, Santissimo Dio, non è difficile comprenderne il motivo. La grande sete umana di Felicità è dovuta al fatto che l’uomo è stato da Te, Amore Infinito, Creato per essere Felice non solo in Cielo col Tuo Progetto, ma anche in Terra. Tu Hai Messo nel Cuore umano questa Sete di Felicità come Tua Firma. Capisco, Gesù, capisco, Dolce Amore, che Tu Crei per la Gioia. Per ogni uomo c’è un Progetto di grande Gioia con Te, prima, in Terra e poi in Cielo. L’uomo, però, desideroso di Felicità, deve dirigersi Verso di Te per saziare la sua sete: Tu Solo Hai la Sorgente della Felicità, Tu Solo Quella, Meravigliosa, della Pace! Se egli capisce presto dov’è la Fonte Meravigliosa, unica e indistruttibile, come cerva assetata, corre a Te, Amore, e si disseta della Tua Acqua di Vita. Tu, Santissimo, lo Prendi Dolcemente sulle Tue Ali e lo Conduci verso i Pascoli verdi del Tuo Eterno Amore. Questo Fai, Gesù, Questo Vuoi Fare per ogni uomo. Che Meravigliosa Verità E’ Questa! Si direbbe che nel terzo millennio tutti La dovrebbero avere ben compresa, tutti, in ogni angolo della Terra. L’uomo che percorre il Pianeta dovrebbe udire solo Canti di Gioia, Grida di Allegrezza, Musica Armoniosa. Non è così. Non è proprio così, Dolce Amore: l’uomo, che percorre il Pianeta Terra, ode lamenti, sente sospiri, grida di dolore in ogni angolo. I volti non sono Gioiosi, ma tristi e preoccupati; c’è ansia ed attesa non di eventi Felici, ma attesa di fatti che fanno preoccupare. Uno che vede questa scena, che sente tanti lamenti si chiede: “Si sta realizzando il Progetto Divino? Gli uomini vogliono la Sua piena realizzazione?” Dolce Amore, vedo il Tuo Volto Fulgidissimo davanti a me, ma pensieroso. Capisco la causa di tutto questo. Capisco che la ribellione umana spesso Ti impedisce di Realizzare a Pieno il Tuo Sublime Progetto: Tu Vuoi la Felicità dell’uomo; ma egli non comprende, non si apre al Tuo Amore! Chi resta chiuso in una casa buia non vede lo Splendore del Sole, non sente la Dolcezza dei Suoi Caldi Raggi. L’uomo, che è chiuso a Te, Amore, assomiglia a colui che resta in casa con le porte e le finestre chiuse: resta solo ed al buio; così, resta per scelta. Ti vedo, Dolce Amore, Ti vedo pensieroso e triste: vedi che ancora molti Cuori sono restati duri e chiusi, mentre Tutto si avvia al Cambiamento, da Te Voluto e Programmato. Gesù, Dolce Amore, il mio sguardo si posa sulla Grande Croce Che ho davanti. Tu L’Hai Fatta Apparire davanti a me. Ne comprendo il significato: con Tale Sacrifico Tu Vuoi Dare Salvezza ad ogni uomo; ma per quanti sarà vano, se il mondo resta freddo ed incredulo?”. Sposa Cara, il Mio Sacrificio E’ per ogni uomo, per la sua Salvezza; ma, se il mondo resta nella incredulità e nella grande ribellione, se il mondo continua a fare progetti, senza di Me nel Cuore e nella Mente, allora, piccola Mia Sposa, per tanti, veramente per tanti il Mio Sacrificio diverrà inutile.  Sposa Cara, hai veduto coloro che hanno scelto di cadere nell’abisso di eterna disperazione: per essi il Mio Sublime Sacrificio E’ Stato inutile e vano! Mi dici: “Dolce Amore, che terribile Scelta fa l’uomo di restare senza di Te nel Cuore e nella Mente; meglio sarebbe per lui non essere mai nato!”. Sposa Cara, coloro che hanno fatto la scelta di precipitare nell’abisso di disperazione mai cambieranno la loro condizione: quella è e quella resta per l’Eternità! Nel breve tempo della Vita terrena l’uomo deve fare la sua Scelta; altro tempo non c’è, oltre a questo. Quanto dura la vita di un uomo, anche la più lunga? Quanto dura, se confrontata con l’Eternità? Dura ben poco: quanto un Battito d’Ali! Sposa Cara, come vedi, l’uomo ha poco tempo per decidere il suo Destino Eterno. Mi dici: “Dolce Amore, Aiuta ogni uomo a Capire. Aiutalo a fare la Giusta Scelta, prima che cessi il Battito d’Ali”. Amata Sposa, ogni uomo può capire in tempo, se vuole, perché presto Comincio a Parlare al Cuore, ad ogni Cuore, appena E’ in grado di ascoltare e comprendere: non capisce chi non vuole farlo, perché il Cuore resta chiuso a Me Che sono Brezza Leggera e Rugiadosa, mentre è aperto a tutti i venti tempestosi che vengono dal nemico, sempre pronto a farli soffiare in ogni angolo della Terra. Resta Felice in Me, Sposa Cara. Consola il Mio Cuore con la tua Adorazione. Ti Amo. Vi Amo”.  Gesù

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Mamma Parla agli Eletti

 

 

 

 

 

“Figli Cari e tanto Amati, vivete bene ogni istante di Vita Che Dio vi Dona. Sapete Che il Tempo E’ il Suo Tempo? Sapete che ogni istante sulla Terra E’ un segno che fate che resterà indelebile? Mi dice la Mia Piccola: “Dolce Madre, noi Viviamo, anche quando siamo riflessivi, noi Viviamo nella superficialità: per un attimo facciamo riflessioni; subito dopo ci lasciamo andare nell’onda del tempo, senza capirne l’importanza. Madre Cara, Dolce Tesoro, Tu Hai Veduto che i Tuoi Figli Vivono nella più grande superficialità ed il Tuo Cuore Amoroso Ha tanto Tremato per la Salvezza delle Anime. Certo, Sei Andata da Tuo Figlio per Intercedere: l’intera Umanità Hai Visto in grave pericolo, perché Dio non E’ al Primo Posto nei Cuori, nelle Menti, nelle Vibrazioni dell’Anima. Sai Bene che Gesù non Può Realizzare il Suo Progetto d’Amore con chi non è aperto al Suo Amore. Come non Può Entrare il Sole in una casa chiusa e blindata, così non possono penetrare i Raggi dell’Amore di Dio in un’Anima chiusa. Tu, Dolcissimo Tesoro, Tu Hai Parlato, certo, a Tuo Figlio Benedetto ed Egli Ti Ha Lasciata Venire sulla Terra ogni giorno da noi per Risvegliare la Fede nei Cuori, sopita. I popoli, in cui la Fede Era Viva e Forte, Radicata e Sicura, ora sono caduti nell’idolatria: non E’ Dio al Primo Posto, non E’ Egli al Centro di ogni Pensiero, di ogni Sentimento né le Anime Fremono d’Amore per il Loro Creatore, il Salvatore, lo Spirito d’Amore. In ogni angolo della Terra vi sono Cuori che non Palpitano più per Dio, ed hanno lasciato che ci fosse il vuoto. L’uomo, senza Fede in Gesù, è sempre inquieto, scontento, non sa dove andare, non sa quello che deve fare; nulla lo soddisfa: cerca di qua e di là, ma non raggiunge la Pace dell’Anima né la Gioia. Madre Cara, che Felicità ci Dà la Tua Dolce Presenza sulla Terra: è come quando il Bimbo guarda il Cielo e vede appressarsi un grande temporale, perché le nubi sono nere, nere e minacciose, si sente rombare il Tuono e guizzare il Lampo di qua e di là. Il Piccolo, allora, trema nel suo Cuore e corre vicino alla Madre, sta in silenzio vicino a Lei, mentre il Suo Braccio Amoroso lo Avvolge Dolcemente. Continua il rombo del Tuono, i Lampi guizzanti Illuminano il Cielo; ma egli non trema più: vicino, vicino alla Madre non si trema, non si ha paura. Ecco quello che accade a noi, piccoli più Piccoli, tutti Tuoi, in Questo Momento Storico: vediamo il Temporale approssimarsi, sentiamo il rombo del Tuono, anche i Lampi guizzano sempre più frequenti; ma ci Sei Tu, Madre Cara, ci Sei Tu, Dolce Tesoro. Sei con noi, proprio accanto ad ognuno di noi: se chiudiamo gli occhi, nel Dolce Silenzio della Tua Presenza sentiamo il Palpito del Tuo Cuore. Madre Cara, stretti a Te, siamo Felici. Non ci lasciare: Preparaci all’Incontro con Gesù!”. Figli Amati, Questo Voglio Fare. Siate docili ed obbedienti e vi Condurrò tutti a Mio Figlio, per essere Felici con Lui. Vi Amo. Ti Amo, Angelo Mio”. Maria Santissima

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

 

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

 
 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

 

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Figlio nostro Signore e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Signore Gesù Cristo, fin dalla mia Infanzia So Che Tu Sei la Via, la Verità, la Vita.  Questa Affermazione Vale per tutti gli uomini.  Questa Mattina, penso Che Tu Sia la mia Via, la mia Verità e la mia Vita.  Tu non Lo Dici a tutti, E’ a me Che Parli.  Questo mi getta nello Stupore e nella Gratitudine.  La Via Ha un Obiettivo, la Verità un Contenuto, la Vita un’Origine.  Sebbene io Sappia Che Tu Sei Nel Padre e Che il Padre E’ in Te, chiedo : Mostrami il Padre. Fa’ Che io Lo Incontri IncontrandoTi Oggi.  Amen.

Dagli Atti degli Apostoli (At 6,1-7)

In Quei Giorni, Aumentando il Numero dei Discepoli, quelli di lingua greca mormorarono contro quelli di lingua ebraica perché, nell’Assistenza Quotidiana, venivano trascurate le loro Vedove. Allora i Dodici Convocarono il Gruppo dei Discepoli e Dissero: «Non E’ Giusto che noi Lasciamo da Parte la Parola di Dio per Servire alle Mense.  Dunque, Fratelli, cercate fra voi sette uomini di Buona Reputazione, Pieni di Spirito e di Sapienza, ai quali Affideremo Questo Incarico.  Noi, invece, ci Dedicheremo alla Preghiera e al Servizio della Parola».  Piacque Questa Proposta a tutto il gruppo e scelsero Stefano, uomo Pieno di Fede e di Spirito Santo, Filippo, Pròcoro, Nicànore, Timone, Parmenàs e Nicola, un Prosèlito di Antiòchia.  Li Presentarono agli Apostoli e, dopo aver Pregato, Imposero Loro le Mani. E la Parola di Dio Si Diffondeva e il Numero dei Discepoli a Gerusalemme Si Moltiplicava Grandemente; anche una Grande Moltitudine di Sacerdoti Aderiva alla Fede. Parola di Dio.

Dal Salmo 32

Esultate, o Giusti, nel Signore; per gli uomini Retti E’ Bella la Lode.  Lodate il Signore con la Cetra, con l’Arpa a Dieci Corde a Lui Cantate.   Perché Retta E’ la Parola del Signore e Fedele Ogni Sua Opera.  Egli Ama la Giustizia e il Diritto; dell’Amore del Signore E’ Piena la Terra.   Ecco, l’Occhio del Signore E’ Su chi Lo Teme, Su chi Spera nel Suo Amore, per Liberarlo dalla morte e Nutrirlo in Tempo di Fame.

Canto al Santo Vangelo

Alleluia, Alleluia. Cristo E’ Risorto, Lui Che Ha Creato il Mondo, e Ha Salvato gli uomini nella Sua Misericordia. Alleluia.

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Giovanni (Gv 6,16-21)

Venuta la Sera, i Discepoli di Gesù Scesero in Mare, Salirono in Barca e Si Avviarono verso l’altra Riva del Mare in direzione di Cafàrnao. Era ormai buio e Gesù non li Aveva ancora Raggiunti; il Mare era agitato, perché Soffiava un Forte Vento. Dopo aver Remato per circa tre o quattro miglia, Videro Gesù Che Camminava sul Mare e Si Avvicinava alla Barca, ed ebbero paura. Ma Egli Disse loro: «Sono Io, non abbiate paura!».  Allora Vollero PrenderLo sulla Barca, e subito la Barca Toccò la Riva alla Quale erano diretti.  Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Vi Benedico e Ringrazio Tutti, Angeli di Dio Padre. Grazie per l’Amore, la Protezione, la Vicinanza  e i Doni Che mi Avete Portato nel Corso di Questa Giornata.  Il mio Ringraziamento e la mia Gratitudine Siano Come Fiori Bianchi Che Depongo ai Vostri Piedi e Che Voi Porterete Innanzi al Trono di Dio.  Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

Leave a reply