Il Santo Vangelo del Giorno Venerdì 27 luglio 2018 (2025) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’E’ Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

Alla Divina Sapienza di Gesù Cristo, Che Accogliamo con Sincero e Rispettoso Amore! Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Principio Era Il Verbo, Il Verbo Era Presso Dio e Il Verbo Era Dio… E Il Verbo Si Fece Carne e Venne ad Abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo La Sua Gloria, Gloria Come di Unigenito dal Padre, Pieno di Grazia e di Verità. (Giovanni 1,1 e 14).

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato.  Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, siamo ad una Svolta Epocale per il mondo, che vedrà rovinare al suolo il malaffare, con le astuzie ed i vizi capitali, che tanto male hanno arrecato agli uomini della Terra, allontanandoli – così, dalla Luce dell’Onnipotente! Cristo E’ ormai Pronto a Rimanifestar di Sé nella Gloria Universale, pur davanti allo stesso Popolo di Dio che Lo tradì. Ma il Signore E’ Grande e – nella Sua Infinita Misericordia, Perdonerà a coloro che – allontanandosi dalle schiere del male, Piangeranno Lacrime amare, con il Cuore Contrito e Rivolto all’Amore Vero, Che Solo Gesù Sa Donarci. Preghiamo insieme la Bontà del nostro Salvatore, perché Si Occupi di noi e dei nostri Animi, Rendendoci finalmente Degni di Accogliere Cotanta Regalità. Infatti, i più attenti renderanno le case in cui Vivono dei Veri e Propri Altari, con un lumino perennemente Acceso, onde Ospitare la Divina Sapienza, Che tuttavia Verrà! Pace e Bene a tutte le Creature di Buona Volontà.

 

 

 

 

 

 

 

 

Fioretti di San Pio da Pietrelcina

“Sta’ qui ancora un altro poco!”

 

 

 

 

Nel Convento di Sant’Anna di Foggia c’era un Confratello di Padre Pio, che si chiamava Fra’ Francesco da Torremaggiore.   Questo Confratello si recava spesso la Sera dal Padre Pio per fargli un po’ di compagnia e Padre Pio teneva alla sua compagnia, perché finché c’era lui quei «cosacci», come chiamava i diavoli, non venivano. Una sera dunque Fra’ Francesco salì alla cella di Padre Pio e vi si trattenne in conversazione con lui.   Quella sera però era molto stanco e gli veniva spesso di appisolarsi.   Allora volendo andarsene, faceva l’atto di alzarsi, ma Padre Pio gli diceva: «Sta’ qui ancora un altro poco, se no quelli (i cosacci) vengono».   E Fra’ Francesco si sedeva daccapo e stava un altro poco di tempo, ma era sempre preso dalla stanchezza e dal sonno.   A un certo punto disse che proprio non ce la faceva più: si alzò e disse al Padre Pio che proprio se ne doveva andare.   E Padre Pio: «Va bene, Fratello mio, vattene!».   Così Fra Francesco uscì dalla cella e se ne andò, ma non aveva fatto che poca strada, quando sentì venire dalla cella di Padre Pio un rumore infernale. Ritornò sui suoi passi e trovò Padre Pio stremato di forze e in un mare di sudore per la lotta che aveva sostenuto coi diavoli, i quali avevano approfittato subito della partenza di Fra’ Francesco, per aggredirlo come al solito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

 

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Figlio nostro Signore e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

A Te, Divin Seminatore, si Rivolge la mia Preghiera, mentre Ti Accingi, in Questo Nuovo Giorno, a Seminare nel mio Cuore il Seme della Tua Parola, Che Dà Senso alla Vita e Fecondità all’Agire dell’uomo. mentre Ti Ringrazio del Tuo Amore Gratuito, Chiedo di Donarmi il Tuo Spirito perché, Liberando il mio Cuore dai sassi e dalle spine dell’egoismo e dell’orgoglio, Lo Apra all’Accoglienza e alla Comprensione della Tua Parola di Vita. Amen.

Dalla Prima Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinti (Cor 9,16-19.22b-27)

Fratelli, non è per me un Vanto Predicare il Vangelo; è per me un Dovere: guai a me se non Predicassi il Vangelo! Se lo Faccio di mia Iniziativa, ho Diritto alla Ricompensa; ma se non lo faccio di mia iniziativa, E’ un Incarico che mi è Stato Affidato.  Quale è dunque la mia Ricompensa? Quella di Predicare Gratuitamente il Vangelo senza usare del Diritto Conferitomi dal Vangelo.  Infatti, pur essendo Libero da Tutti, mi Sono Fatto Servo di Tutti per Guadagnarne il Maggior Numero; mi sono Fatto Tutto a Tutti, per Salvare ad Ogni Costo Qualcuno.  Tutto io Faccio per il Vangelo, per Diventarne Partecipe con loro.  Non sapete che nelle Corse allo Stadio Tutti Corrono, ma Uno Solo Conquista il Premio? Correte anche voi in Modo da Conquistarlo! Però Ogni Atleta E’ Temperante in Tutto; essi lo fanno per Ottenere una Corona Corruttibile, noi invece una Incorruttibile.  Io dunque Corro, ma non Come chi è Senza Mèta; faccio il Pugilato, ma non Come chi Batte l’Aria,  anzi Tratto Duramente il mio Corpo e lo Trascino in Schiavitù perché non Succeda che dopo Avere Predicato agli Altri, venga io Stesso Squalificato. Parola di Dio. 

Dal Salmo 31

Ascoltate, genti, la Parola del Signore, Annunciatela alle isole più lontane e dite: «Chi ha Disperso Israele lo Raduna e lo Custodisce Come un Pastore il Suo Gregge». Perché il Signore Ha Riscattato Giacobbe, Lo Ha Liberato dalle mani di Uno più Forte di lui.  Verranno e Canteranno Inni sull’Altura di Sion, Andranno Insieme Verso i Beni del Signore. La Vergine allora Gioirà Danzando e Insieme i giovani e i vecchi. «Cambierò il loro lutto in Gioia, li Consolerò e li Renderò Felici, senza Afflizioni».

Canto al Santo Vangelo

Alleluia, Alleluia. Beati coloro Che Custodiscono la Parola di Dio con Cuore Integro e Buono e Producono Frutto con Perseveranza. Alleluia. 

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Matteo (Mt 13,18-23)

In Quel Tempo, Gesù Disse ai Suoi Discepoli: “Voi dunque Ascoltate la Parabola del Seminatore. Ogni volta Che uno Ascolta la Parola del Regno e non La comprende, viene il maligno e ruba Ciò Che E’ Stato Seminato nel suo Cuore: Questo E’ il Seme Seminato Lungo la Strada.   Quello Che E’ Stato Seminato nel Terreno sassoso E’ colui che Ascolta la Parola e l’Accoglie Subito con Gioia, ma non ha Radice in sé ed è incostante, sicché appena giunge una tribolazione o persecuzione a Causa della Parola, egli subito viene meno.   Quello Seminato tra i rovi E’ colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed Essa non Dà Frutto.   Quello Seminato su Terreno Buono E’ colui Che Ascolta la Parola e La comprende; questi dà Frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno”.   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Non so, o Signore, se Oggi ho fatto Risuonare in me la Tua Parola e se ho Orientato ad Essa la mia Giornata, con la Docilità e la Coerenza Che Ti Attendevi dal mio Amore per Te. Ti Attendevi il centuplo o il sessanta o almeno il trenta.   Purtroppo non E’ Stato Così. Ho incontrato molti sassi e non li ho saputi evitare. Mi sono avventurato tra le spine e non me ne sono pienamente liberato. Ma ho Desiderato la Tua Parola.   E so Che Essa E’ Soprattutto Misericordia e Perdono. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

Leave a reply