Il Vangelo del Giorno giovedì 25 maggio 2017 (2024) A.D. – Vieni, Signore Gesù!

 

Al Compimento della Profezia, affinché Trionfi la Giustizia dell’Eterno Padre. Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, Tra noi, ……. e Avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

 

 

 

 

 

 

……. se capissimo che a nulla servono le strategie di quaggiù, con le diffamanti chiacchiere  e le cattive azioni, allora il mondo perderebbe quel velo di malvagità che lo riveste, per lasciar trasparire la Divina Luce Che Alberga in ogni Creatura di Dio! Ma noi no, dobbiamo porci sempre in maniera forte e contorta, proprio come piace al demonio, che fa purtroppo quel che vuole proprio grazie al nostro scarso grado di attenzione per i dettagli.    Dovremmo metabolizzare bene che son le cose piccole, unite tra di loro, a fare quelle grandi, e che niente resterà del nostro Passaggio sulla Terra… se non le Opere.    A buon intenditor poche parole.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Messaggio di Gesù Salvatore

(a Giovanni, 22 maggio 2015)

 

 

 

 

 

 

Lo Spirito del Mio vicario, prima di Tornare a Noi, dovrà ora valutare non poche cose della terra, che sono in netto contrasto con Quelle del Cielo, ormai Pronte a Sostituire le brutture del mondo con la Dolce Manna, che i Figli attendono da tempo! Stiamo Attendendo Che gli uomini facciano le loro Scelte, per poi Far sì che il Sipario cali sulle inutili sovrastrutture umane, che satana – abilmente, ha posto sulle vostre spalle. Dal Trono Che Fu di Pietro, Verrà Proclamato Ufficialmente il Mio Ritorno in Terra, e alcuno potrà contrastare i Percorsi già Previsti dal Padre, poiché E’ Esattamente Così Che Deve Essere! Digiunate con Gioia e Pregate con il Cuore, specialmente in Questi Tempi, Che Sono gli Ultimi tra quelli conosciuti. Chi si occuperà con Amore delle Cose del Signore riceverà in Premio la Vita Eterna! Vi Benedico”.

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

 

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Cristo, San Giuseppe coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

Atto di Dolore

 

 

 

 

 

“O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con tutto il Cuore per i miei peccati, perché peccando ho Meritato i Tuoi Castighi e molto più perché ho Offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra ogni cosa. Propongo col Tuo Santo Aiuto di non OffenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, Misericordia, Perdonaci, Amen!”.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Signore nostro Gesù Cristo

e delle Donne a Lui Care, degli Arcangeli, degli Angeli e Santi

del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.partecipiamo.it/gif/sacro/16.gif

 

 

 

Preghiera del Mattino

Padre, Che Hai Rallegrato i Discepoli del Tuo Figlio con la Gioia della Sua Risurrezione, Fa’ Che Durante Questa Giornata sappiamo Riconoscere i Segni della Sua Presenza nel Mondo. Donaci occhi per Vedere Quanta Testimonianza della Risurrezione Viene Data continuamente attorno a noi e per Constatare che il Lieto Messaggio del Vangelo Si Diffonde Ogni Giorno più e, Come Sale e Lievito, Dà Senso e Orientamento all’Immensa Operosità umana. Il Tuo Spirito Conservi Sempre la Tua Gioia sul nostro volto e su quello dei nostri cari, perché, con il Tuo Aiuto, ci Illuminiamo e ci Sosteniamo gli Uni gli Altri Durante Questo Giorno.

Dagli Atti degli Apostoli (At 18,1-8)

In Quei Giorni, Paolo lasciò Atene e si recò a Corìnto.    Qui trovò un Giudeo di nome Aquila, nativo del Ponto, arrivato poco prima dall’Italia, con la moglie Priscilla, in seguito all’ordine di Claudio che allontanava da Roma tutti i Giudei.   Paolo si recò da loro e, poiché erano del medesimo mestiere, si stabilì in Casa loro e lavorava.   Di mestiere, infatti, erano fabbricanti di tende. Ogni Sabato poi Discuteva nella Sinagoga e cercava di Persuadere Giudei e Greci.   Quando Sila e Timòteo giunsero dalla Macedònia, Paolo cominciò a Dedicarsi Tutto alla Parola, Testimoniando davanti ai Giudei Che Gesù E’ il Cristo. Ma, poiché essi si opponevano e lanciavano ingiurie, egli, Scuotendosi le Vesti, disse: «Il vostro sangue ricada sul vostro capo: io sono Innocente. D’ora in poi me ne andrò dai pagani».   Se ne andò di là ed entrò nella Casa di un tale, di nome Tizio Giusto, uno Che Venerava Dio, la cui Abitazione era Accanto alla Sinagoga. Crispo, capo della Sinagoga, Credette nel Signore insieme a tutta la sua Famiglia; e molti dei Corìnzi, Ascoltando Paolo, Credevano e si Facevano Battezzare.   Parola di Dio.

Dal Salmo 97

Cantate al Signore un Canto Nuovo, perché Ha Compiuto Meraviglie.    Gli Ha Dato Vittoria la Sua Destra e il Suo Braccio Santo.    Il Signore Ha Fatto Conoscere la Sua Salvezza, agli occhi delle genti Ha Rivelato la Sua Giustizia.    Egli Si E’ Ricordato del Suo Amore, della Sua Fedeltà alla Casa d’Israele.    Tutti i Confini della Terra hanno Veduto la Vittoria del nostro Dio. Acclami il Signore Tutta la Terra, Gridate, Esultate, Cantate Inni!

Canto al Santo Vangelo (cf. Gv 14,18)

Alleluia, Alleluia.    Non Vi Lascerò Orfani, Dice il Signore; Vado e Ritorno a voi, e il vostro Cuore Sarà nella Gioia.    Alleluia.

Dal Vangelo Secondo Giovanni (Gv 16,16-20)

In Quel Tempo, Disse Gesù ai Suoi Discepoli: «Un Poco e non Mi Vedrete più; un Poco ancora e Mi Vedrete».   Allora Alcuni dei Suoi Discepoli Dissero tra Loro: «Che Cos’E’ Questo Che ci Dice: “Un Poco e non Mi Vedrete; un Poco ancora e Mi Vedrete”, e: “Io Me Ne Vado al Padre”?».    Dicevano perciò: «Che Cos’E’ Questo “un Poco”, di Cui Parla? Non Comprendiamo Quello Che Vuol Dire».   Gesù Capì Che Volevano Interrogarlo e Disse Loro: «State Indagando tra voi perché Ho detto: “Un Poco e non Mi Vedrete; un Poco ancora e Mi Vedrete”? In Verità, in Verità Io Vi Dico: voi Piangerete e Gemerete, ma il Mondo si rallegrerà.    Voi Sarete nella Tristezza, ma la vostra Tristezza si Cambierà in Gioia».   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Padre Onnipotente e Misericordioso, nelle nostre Giornate ci sono Momenti nei quali pensiamo che siano pochi gli uomini che hanno il Diritto di Gioire, tanta è la miseria, il dolore, l’ingiustizia che ci attornia e che sembra Impedire la Gioia a gran parte dell’umanità. Eppure Tu Hai Detto: “Beati i Poveri, Beati gli Afflitti, Beati i Perseguitati…”. Sì, E’ Vero, al di là delle apparenze e oltre alla Gioia che dà il mondo e dalla quale a volte mi sono lasciato attrarre, Tu Oggi Hai Donato tanta Gioia e tanta Serenità a coloro Che si sono Affidati a Te. Ripensandoci ora, nel Silenzio della Sera, posso anch’io Ricordare il nome di molte persone sul volto delle quali erano Riconoscibili i Segni della Fortezza, della Serenità, della Generosità, della Laboriosità Che Soltanto Tu Puoi Donare. Dammi la Capacità di Giudicare Come Tu Giudichi. Fa’ che anch’io Cerchi Sempre la Gioia Che Tu Dai.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

 

Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto,
Sicut Erat in Princìpio, et Nunc, et Semper,
et in Saècula Saèculorum. Amen!

 

 

 

stelle (5)

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

Leave a reply