Il Vangelo del Giorno giovedì 26 settembre 2013 (2020) A.D. – Benedetto Colui Che Viene nel Nome Santo del Signore

L’odierno e Santo Vangelo E’ dedicato a Teresa L., nostra Sorella e Amica in Terra di Polonia.

Spesso abbiamo timore della morte, mentre sentiamo il nostro Spirito quasi prender le distanze dalla materia! Proprio in quei momenti – pervasi da sconosciute e buie sensazioni, il maligno tenta di soverchiare l’uomo, giacché proteso a profanar costantemente il “Tempio di Dio”, insito nel concesso nostro Corpo. Non dobbiamo lasciare che ciò avvenga ma esser piuttosto fiduciosi che il Signore avrà Cura d’ogni nostra esitazione, poiché Questa E’ la Fede, mediante la Quale l’Onnipotente soppesa i Figli Suoi. E non manchiamo di rivolgere Suppliche e Preghiere al Suo Messaggero Prediletto e Santo, il Figlio dell’Uomo – Cristo il Nazareno, che Adamo portò nel Suo Grembo vitale sin dall’Origine, per Volontà del Magnifico Creatore.

 

 

 

 

 

Messaggio di Gesù

 

 

“……, scrivi!

 

Non si adagi il mondo su quel che pensa di scampare, poiché Io – Gesù, ho contezza d’ogni vostro gesto, di qualsiasi pensiero passi per la mente d’ognuno.

Non crediate d’esser salvi col venirMi a trovare nelle Chiese, ormai luoghi di consapevole divagazione, ove tutto fate fuorché adorare il Martirio che vi salvò.

Verranno giorni tristi per molti, e alcuni sveleranno la loro vera identità, maledicendo ogni cosa, finanche il Nome di Mia Madre.

Ella vi ha esortato incessantemente alla Redenzione, al Ravvedimento generale, purtroppo senza frutto.

I Messaggeri – nel corso degli anni e nel Mio nome, son stati scherniti, calunniati ed uccisi, e per questo hanno visto e vedranno il Padre Celeste, Che Ha Mandato Me – come Io Ho inviato loro.

Comandino al male di tornar nel luogo delle tenebre, ove lo relegò il Padre Mio, e vi si recherà mansueto, poiché è così che dev’essere! Trionfino gli umili, i servi della Carità e i seguaci dell’Amore: l’esercito degli Angeli non mancherà di difenderne le gesta, mentre Io non Mi muoverò dal loro fianco!”.

Roma, 01 gennaio 2009 A.D. (2016) – Giovanni – 03:30

 

 

 

 

 

“All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo….e Quel che ci han di Lui celato. Avrai vergogna anche per ciò, poiché non hai abbandonato il tuo Cuore mentre Egli parlava della Verità – che ci ostiniamo a non vedere….e a non voler ancora udire!”.

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!
 
Preghiamo insieme per:

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo, la Creazione – Opera Straordinaria del Padre Celeste, la Vergine della Rivelazione con i Santi e gli Angeli del Paradiso, Santa Maria Maddalena, Papa Francesco, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, Rev. don Francesco F. (San Pio da Pietrelcina), Rev. don Francesco R., Rev. don Gabriele A., Rev. don Gabriele Maria B., Rev. don Giovanni B., Rev. don Marco R., Rev. don Martino P., Fra’ Elia C., Achille T., Alberto C., Alessandra P., Alessandro T., Alfredo (f), Agostino F., Aldo F., Andrea L., Angela R., Angelo D.C., Angelo P., Angelo T., Anna G., Anna M., Anna S., Antonietta P., Antonina D’A., Antonio C., Antonio D.C., Antonio G., Antonio L., Antonio M., Antonio O., Antonio Sebastiano M., Armando C., Aroldo T., Berardino M., Biagio N., Bruna O., Bruno C., Bruno F., Bruno S., Carmine P., Claudio V., Cristina di D., Domenico M., Elvira C., Enrico N., Enzo J., Ettore D’A., Ezio D., Fabio D., Federica P., Felice F., Felice G., Fernando L., Fernando M., Franca R., Francesca R., Francesco A., Franco C., Frank R., Frank S., Gabriele Maria F., Gabriella P., Gennaro V., Gianni B., Gianpaolo T., Giorgio B., Giovanna O., Giovanni C., Giulio A., Giulio D. L., Giuseppe A., Giuseppe M., Giuseppe P., Giuseppe P., Giuseppe P., Giuseppe R., Giuseppina N., Ilaria C., Immacolata N., Immacolata P., Immacolata V., Laura V., Letizia I., M., Loretta G., Lucia P., Luciano P., Lucio B., Lucio D., Luigi Giuseppe C., Luigi P., Mafalda C., Marcello R., Margherita H., Maria Pia C., Mariano A., Marina P., Mario B., Mario C., Mario Q., Mario S., Massimo B., Massimo P., Maurizio Maria F., Michael J., Natuzza E., Nicola C., Nicola G., Nicolò P., Osvaldo G., Paolo L., Pasquale G., Pasquale M., Piero N., Raffaele L., Raimondo V., Rita C., Roberto C., Romolo D., Rosaria R., Rosario M., Rossella P., Sandra M., Sergio C., Silvia M., Stefania R., Stefano C., Teresa L., Tiziano M., Ugo V., Umberto (c), Umberto P., Veronica L., Vincenzo M., Vincenzo P., Vittorio G., Vladimiro A., Walter R., i Movimenti Eucaristici e Mariani, Famiglia C., Famiglia C., Famiglia P., Famiglia S., gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli Atei, le Anime abbandonate in Purgatorio, gli ipocriti e i sapienti della terra, i bimbi deceduti senza esser stati Battezzati, i Giovani e tutti Coloro che non credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero……..

 

 

 

 

 

Atto di dolore
 

“O Gesù, mi pento e mi dolgo con tutto il Cuore pei miei peccati, perché peccando ho meritato i Tuoi castighi e molto più perché ho offeso Te,  Infinitamente Buono e Degno d’Essere amato Sopra ogni cosa. Propongo col Tuo Santo Aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, Misericordia, Perdonaci, Amen!”.

 

 

 

               
                          


Santi Cosma e Damiano, Martiri
Santa Teresa (Maria Vittoria) Couderc, fondatrice


 

 

Giovedì della XXV settimana delle ferie del Tempo Ordinario

 

Ag 1,1-8.

L‘anno secondo del re Dario, il primo giorno del sesto mese, Questa Parola del Signore Fu Rivolta per mezzo del Profeta Aggeo a Zorobabele figlio di Sealtièl, governatore della Giudea, e a Giosuè figlio di Iozedàk, sommo sacerdote. Così Parla il Signore degli eserciti: Questo popolo dice: “Non è ancora venuto il tempo di ricostruire la Casa del Signore!”. Allora Questa Parola del Signore Fu Rivelata per mezzo del Profeta Aggeo: “Vi sembra questo il tempo di abitare tranquilli nelle vostre case ben coperte, mentre Questa Casa E’ ancora in rovina? Ora, così Dice il Signore degli eserciti: riflettete bene al vostro comportamento. Avete seminato molto, ma avete raccolto poco; avete mangiato, ma non da togliervi la fame; avete bevuto, ma non fino a inebriarvi; vi siete vestiti, ma non vi siete riscaldati; l’operaio ha avuto il salario, ma per metterlo in un sacchetto forato. Così Dice il Signore degli eserciti: Riflettete bene al vostro comportamento! Salite sul Monte, portate legname, Ricostruite la Mia Casa. In Essa Mi Compiacerò e Manifesterò la Mia Gloria – Dice il Signore.

Sal 149(148),1-2.3-4.5-6a.9b.

Cantate al Signore un canto nuovo; la Sua Lode nell’assemblea dei fedeli. Gioisca Israele nel suo Creatore, esultino nel loro Re i figli di Sion.
Lodino il Suo Nome Santo con danze, con timpani e cetre Gli cantino Inni. Il Signore Ama il Suo popolo, Incorona gli Umili di Vittoria.
Esultino i Fedeli nella Gloria, sorgano lieti dai loro giacigli. Le Lodi di Dio sulla loro bocca e la spada a due tagli nelle loro mani.

Lc 9,7-9.

Intanto, il tetrarca Erode sentì parlare di tutti Questi Avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è Risuscitato dai morti», altri: «E’ apparso Elia», e altri ancora: «E’ Risorto uno degli antichi Profeti». Ma Erode diceva: «Giovanni l’ho fatto decapitare io; Chi E’ dunque Costui, del Quale sento dire Tali Cose?». E cercava di vederLo.

Traduzione Liturgica della Bibbia

Meditazione del giorno:


Catechismo della Chiesa cattolica
§ 31-35

Erode Antipa cerca di vedere Gesù

Creato a Immagine di Dio, Chiamato a Conoscere e ad Amare Dio, l’uomo che cerca Dio scopre alcune «Vie» per arrivare alla Conoscenza di Dio. Vengono anche chiamate «Prove dell’Esistenza di Dio», non nel senso delle prove ricercate nel campo delle scienze naturali, ma nel senso di «argomenti convergenti e convincenti», che permettono di raggiungere Vere Certezze.
Queste «Vie» per avvicinarsi a Dio hanno come punto di partenza la Creazione: il mondo materiale e la persona umana. Il mondo: partendo dal movimento e dal divenire, dalla contingenza, dall’ordine e dalla bellezza del mondo si può giungere a Conoscere Dio come Origine e Fine dell’Universo. San Paolo riguardo ai pagani afferma: «Ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio Stesso lo Ha loro Manifestato. Infatti, dalla Creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle Opere da Lui Compiute, come la Sua Eterna Potenza e Divinità» (Rm 1,19-20; cfr At 14,15ss; 17,27ss; Sap 13,1ss)…
L’uomo: con la sua apertura alla Verità e alla bellezza, con il suo senso del Bene morale, con la sua libertà e la voce della Coscienza, con la sua aspirazione all’infinito e alla Felicità, l’uomo si interroga sull’Esistenza di Dio. In queste aperture egli percepisce segni della propria Anima Spirituale. «Germe dell’eternità che porta in sé, irriducibile alla sola materia»,38 la sua Anima non può avere la propria Origine che in Dio Solo. Il mondo e l’uomo attestano che essi non hanno in se stessi né il loro primo principio né il loro fine ultimo, ma che partecipano di quell’«Essere» Che è in Sé senza Origine né Fine. Così, attraverso queste diverse «Vie», l’uomo può giungere alla Conoscenza dell’Esistenza di una Realtà che è la Causa Prima e il Fine ultimo di tutto e «che tutti Chiamano Dio». (S. Tommaso d’Aquino)
L’uomo ha facoltà che lo rendono capace di conoscere l’Esistenza di un Dio Personale. Ma perché l’uomo possa entrare nella Sua Intimità, Dio Ha Voluto RivelarSi a lui e Donargli la Grazia di poter accogliere Questa Rivelazione nella Fede. Tuttavia, le Prove dell’Esistenza di Dio possono disporre alla Fede ed aiutare a constatare che questa non si oppone alla ragione umana.

Sia Lodato Gesù Cristo!

 
 
 
Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto,
sicut erat in princìpio, et nunc, et semper,
et in saècula saèculorum

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

 

Leave a reply