Il Vangelo del Giorno lunedì 27 giugno 2016 (2023) A.D. – Nel Santo Nome di Dio Padre Onnipotente, Maranatha: Vieni, Signore Gesù!

In Principio Era Il Verbo, Il Verbo Era Presso Dio e Il Verbo Era Dio… E Il Verbo Si Fece Carne e Venne ad Abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo La Sua Gloria, Gloria Come di Unigenito dal Padre, Pieno di Grazia e di Verità”. (Giovanni 1,1 e 14).

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3) 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, quante volte inseguiamo inutili e preordinati percorsi, che a nulla contribuiscono se non alla ormai diffusa perdita del Prezioso Tempo, da Sempre non nostro? Dovremmo, invece, leggere più attentamente dentro di noi, tentando di risalire i ricordi lontani, quelli Puri, della spensierata Fanciullezza.

Allora, comprenderemo quanto distorto è il mondo – con le sue false proiezioni, e quel che ci hanno fatto in forza della tanto decantata libertà democratica, strumento diabolico nelle mani del potere terreno.

Attraverso di essa, siam stati catapultati in realtà che non ci appartenevano Quali Figli di Dio, spostando l’asse di attenzione su fenomeni e problemi a noi estranei, coi quali l’originaria Via ci E’ Stata artatamente oscurata.

Ma il “Conto” da pagare E’ ormai prossimo, e nessuno potrà lasciare il “Tavolo” senza Adempiere ai propri Obblighi! E non temiamo assai la giustizia di quaggiù, falsa e presuntuosa, poiché E’ al Cielo Che dobbiam guardare, che alcuno sconto ai Cuori duri Farà.

E poi, quale umana moneta potrebbe eguagliare il Privilegio di vedere il Salvatore Raccoglierci nel Momento del Trapasso? Non indugiamo oltre, quindi, e affrettiamo i nostri passi Verso la Salvezza Vera, Affidando al Signore il nostro Libero Arbitrio, senza però più giudicare.

All’uopo, oggi, Festeggiando la Madonna del Perpetuo Soccorso, una bella storia, quella di Padre Games, ovvero l’Esaltazione della Grande Promessa del Figlio dell’Uomo! Non leggiamola di corsa o con superficialità, giacché Cela non pochi Meravigliosi Esempi, Che Son Là, a Portata di chiunque voglia Comprendere e Credere…. Amando Gesù per Davvero. Benedetto nei Secoli il Signore.

 

 

 

Gesù Re

La Grande Promessa di Gesù

“Il Padre Games”.

 

 

 

 

Nella città di Guadalajara, in Messico, un povero massone era agonizzante. Due membri della loggia massonica lo sorvegliavano perché nessun Prete lo avvicinasse. I vicini di casa, accortisi del fatto, andarono ad avvisare il P. Games, Salesiano, Apostolo dei giovani universitari di Guadalajara, tipo burbero, deciso, coraggioso, che non si fermava di fronte a nessuna difficoltà. Si vestì in borghese, con un cappellaccio in testa e due rivoltelle ai fianchi, prese la Santissima Eucarestia, l’Olio degli infermi e andò alla casa indicata. Col calcio della rivoltella picchiò tre colpi alla porta. I due massoni di guardia vennero ad aprire e P. Games li affrontò così: — Il capo vuole che andiate a prendere una boccata d’aria e a bere alla sua salute. Vi sostituisco io.

I due furono contenti della proposta e prima di andarsene dissero: — Stai attento a P. Games, che potrebbe venire a rovinarci tutto!

Se viene P. Games — rispose — lo saprò accogliere io come si merita — e fece vedere le armi.

I due se ne andarono e P. Games entrò, chiuse la porta a chiave e si precipitò verso il moribondo, che giaceva nel suo letto.

Che cosa hai fatto — gli gridò, per Meritarti una Grazia Simile?

Il poveretto nel vedere quel figurone, con quelle rivoltelle, mandò un gemito, temendo che gli affrettasse la morte. Allora P. Games si tolse il cappello, lasciò sul tavole le rivoltelle e con voce più amabile disse: — Io sono P. Games e sono venuto a Confessarti, a Comunicarti e ad Aiutarti a morire da buon Cristiano. Che Cosa Hai Fatto per Meritarti Questa Grazia?

Oh, Benedetto il Signore, Benedetta la Madonna, — mormorò il morente, Sono Stati Fedeli. Quand’ero ragazzo ho fatto la Comunione Riparatrice ai primi Nove Venerdì e ai Primi Cinque Sabati, e il Sacro Cuore di Gesù e il Cuore Immacolato di Maria non Si Sono Dimenticati di me, povero peccatore, nell’Ora della mia morte.

A P. Games non riuscì difficile Disporre il malato alla Confessione, al Viatico e al Sacramento degli Infermi. Poi ottenne che il malato firmasse due copie di una Dichiarazione, nella quale rinunziava alla massoneria e attestava di voler morire da buon Cattolico. P. Games controfirmò, lasciò la copia sul tavolo e partì portando con sé la seconda copia. Quando i due custodi ritornarono e videro il malato cambiato e lessero la Dichiarazione, non poterono che esclamare: “P. Games ce l’ha fatta!”, e dovettero allontanarsi.

P. Games poté ritornare, vestito da Prete, ed Assistere il malato fino alla morte Edificantissima. Più tardi, in seguito, anche quei due vollero l’Assistenza Religiosa di P. Games e morirono in Pace con Dio e con la Chiesa.

(Dal periodico «Il Santuario del Sacro Cuore> di Bologna – del 1° giugno 1980).

 

 

 

 

 

 

Gesù, Intridi Col Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per Mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, la Santa Nascita del Figlio di Dio Gesù, il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Cristo, i Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante Abbandonate in Purgatorio, I Profeti, i Carismatici e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero. 
  
Atto di Dolore

 

 

 

“O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con tutto il Cuore per i miei peccati, perché peccando ho Meritato i Tuoi Castighi e molto più perché ho Offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra ogni cosa. Propongo col Tuo Santo Aiuto di non OffenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, Misericordia, Perdonaci, Amen!”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Madonna del Perpetuo Soccorso

 

 

 

 

 

 

http://www.partecipiamo.it/gif/sacro/16.gif

 

 

 

 

Am 2,6-10.13-16.

Così Dice il Signore: “Per tre misfatti d’Israele e per quattro non Revocherò il Mio Decreto, perché hanno venduto il Giusto per denaro e il Povero per un paio di sandali; essi che calpestano come la polvere della Terra la testa dei Poveri e fanno deviare il cammino dei Miseri; e padre e figlio vanno dalla stessa ragazza, profanando così il Mio Santo Nome. Su vesti prese come pegno si stendono presso ogni altare e bevono il vino confiscato come ammenda nella casa del loro Dio. Eppure Io Ho Sterminato davanti a loro l’Amorreo, la cui statura era come quella dei Cedri, e la Forza Come Quella della Quercia; Ho Strappato i suoi frutti in alto e le sue Radici di sotto. Io vi Ho Fatti Uscire dal paese di Egitto e vi Ho Condotti per quarant’Anni nel Deserto, per Darvi in Possesso il paese dell’Amorreo. Ebbene, Io vi Affonderò nella Terra come affonda un carro quando è tutto carico di paglia. Allora nemmeno l’uomo agile potrà più fuggire, né l’uomo forte usare la sua Forza; il prode non potrà Salvare la sua Vita, né l’arciere resisterà; non scamperà il corridore, né si salverà il cavaliere. Il più coraggioso fra i Prodi fuggirà nudo in quel giorno!“.

Sal 50(49),16bc-17.18-19.20-21.22-23.

Perché vai ripetendo i Miei Decreti e hai sempre in bocca la Mia Alleanza, tu che detesti la Disciplina e le Mie Parole te Le getti alle spalle? Se vedi un ladro, corri con lui; e degli adùlteri ti fai compagno. Abbandoni la tua bocca al male e la tua lingua ordisce inganni. Ti siedi, parli contro il tuo Fratello, getti fango contro il Figlio di tua madre. Hai fatto questo e Dovrei Tacere? Forse credevi ch’Io Fossi come te! Ti Rimprovero: ti Pongo Innanzi i tuoi peccati. Capite questo voi che dimenticate Dio, perché non Mi Adiri e nessuno vi Salvi. “Chi Offre il Sacrificio di Lode, questi Mi Onora, a chi Cammina per la Retta Via Mostrerò la Salvezza di Dio“.

Mt 8,18-22.

In Quel Tempo, Gesù Vedendo una gran folla intorno a Sé, Ordinò di passare all’altra riva. Allora uno scriba si avvicinò e Gli disse: «Maestro, io Ti seguirò dovunque Tu andrai». Gli Rispose Gesù: «Le Volpi hanno le loro tane e gli Uccelli del Cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’Uomo non Ha Dove Posare il Capo». E un altro dei Discepoli Gli Disse: «Signore, Permettimi di andar prima a Seppellire mio padre». Ma Gesù Gli Rispose: «SeguiMi e lascia i morti seppellire i loro morti».

Traduzione Liturgica della Bibbia

Meditazione del Giorno:

Beato Charles de Foucauld, Eremita e Missionario nel Sahara

Ritiro a Nazareth; Scritti Spirituali, Gigord 1923, 104

«Il Figlio dell’Uomo non Ha Dove Posare il Capo».

O mio Signore Gesù, Ecco dunque Questa Divina Povertà! Quanto Bisogna Che Sia Tu ad Insegnarmela! L’Hai Tanto Amata! Nella Tua Vita Mortale, L’Hai Fatta Tua Compagna Fedele. L’Hai Lasciata in Eredità ai Tuoi Santi, a Quanti vogliono seguirTi, a quanti vogliono essere Tuoi Discepoli. L’Hai Insegnata con gli Esempi di Tutta la Tua Vita; con le Tue Parole, L’Hai Glorificata, Beatificata, Proclamata Necessaria. Hai Scelto dei Poveri Operai per Genitori; Sei Nato in una Grotta Che Fungeva da Stalla; Sei Stato Povero nei Lavori della Tua Infanzia. I Tuoi primi Adoratori Sono Stati dei Pastori. Alla Tua Presentazione al Tempio, E’ Stato Offerto il Dono dei Poveri. Sei Vissuto trent’Anni da Povero Operaio, in Questa Nazareth in Cui ho la Felicità di camminare, Dove ho la Gioia di Raccogliere il letame. Poi durante la Tua Vita Pubblica, Sei Vissuto di Elemosine, in Mezzo a Poveri Pescatori Che Avevi Scelti Come Compagni. «Senza nemmeno una Pietra per Posare il Capo». Sul Calvario, Sei Stato Spogliato dei Tuoi Vestiti, Tuo Unico Possesso, e i soldati Li hanno tirati a sorte. Sei Morto Nudo, e Sei Stato Sepolto per Misericordia, da stranieri. «Beati i Poveri!» (Mt 5,3). Mio Signore Gesù, Quanto Presto Sarà Povero chi, AmandoTi con Tutto il Cuore, non Potrà Sopportare di Essere più ricco del suo Diletto.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto,
sicut erat in Princìpio, et nunc, et semper,
et in saècula saèculorum. Amen!

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!
 

 

Leave a reply