Il Vangelo del Giorno mercoledì 28 ottobre 2015 (2022) A.D. – Nella Gloria della Trinità Divina: Bentornato, Signore Gesù!

 

Dedichiamo l’odierno Santo Vangelo a Papa Francesco Bergoglio, Che Si Accinge ad Accogliere in Terra il Più Bel Fiore dell’Universo, il Figliolo Prediletto dell’Altissimo! Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, Buongiorno nel Signore. Durante la nostra Esistenza terrena, solchiamo percorsi irti di confusione e falsità umane, che tanto male arrecano all’Animo delle Creature del Popolo di Dio. Infatti, invece che perder tempo con le ipocrisie del mondo, dovremmo Riflettere Attentamente su Quanto di grave Sta Accadendo ovunque, poiché Tutto Arriva a gran Velocità, tra l’inconsapevolezza dei più distratti e materialisti! Per Divina Rivelazione, sappiamo che il Figlio dell’Uomo Verrà Furtivo – di Notte, a Riprender Ciò Ch’E’ Suo – Che stoltamente credevamo Fosse nostro. Guai quindi a coloro che pongono e che porranno in dubbio la Fede, perché cadranno in disgrazia al Cielo, procurandosi le non poche Sofferenze di quaggiù. Gloria a Dio nell’Alto dei Cieli e Pace in Terra agli uomini di Buona Volontà.

 

 

 

Testimonianza

 

 

 

 

Dice il Signore Che “…………il popolo americano vedrà l’Ira del Padre Scendere Severamente su quei luoghi, per via del male diffuso ovunque!”.

Il Cristo E’ infatti Particolarmente Addolorato per l’eccidio degli Indiani d’America, Che la Gloria Celeste Pose a Custodia del Separato Eden.

 

 

 

 

 

 

 

 

Messaggio di Gesù

(a Benedicte Francia, 22 ottobre 2009)

 

 

 

 

Amatissimi Figli Miei, il Signore dei Signori Dà al Suo Popolo Segni Evidenti della Sua Presenza in Mezzo a Lui. Spalancate i vostri occhi ciechi per Capire Che il Re dell’Universo E’ all’Opera per Salvare tutti i Suoi Figli dall’abisso, per Dar Loro un Cuore Nuovo, uno Spirito Nuovo, affinché il mondo ritrovi la sua Primaria Bellezza ed Illumini la Terra intera. La Luce dall’Altro Conquista tutti i Cuori ed Incendia il Mondo intero Che Sorge dalla Sua Tomba e Giubila perché il Re dei re Manifesta il Suo Amore per ciascuna delle Sue Creature e Spande, su tutta la Terra, delle Ondate di Grazie. Io, il Signore, Apro Completamente le Mie Braccia a ciascuno di voi, perché vi Amo di un Amore Infinito, Capace di Trasformare il lupo in Agnello, di Ridare la Vita a chi è morto. Il Cielo Visita la Terra. I Piccoli Figli Miei Ne Sono Avvertiti per Primi e Trasmettono la Loro Gioia a quelli che sono accasciati dalla disperazione. Ecco Che il Sole Illumina Tutti i Cuori, anche i più induriti: una Dolcezza Si Spande in Essi e dei Torrenti di Misericordia Scorrono sul Pianeta per Dargli un Cuore Nuovo, uno Spirito Nuovo. Non vi addormentate, Miei Cari. Il Re dell’Universo Ha Bisogno di Ciascuno di voi, perché Rifulga la Gioia di Dio su Questo Popolo duro d’orecchi e che ha chiuso il suo Cuore al Re dell’Universo. Una Folla Immensa Esulta di Gioia perché l’Amore Si Versa a Torrenti sul Pianeta Dando Vita a Questa Pace Promessa agli Uomini di Buona Volontà. Gli Angeli del Cielo Si Rallegrano e Spandono nei Cuori più chiusi una Dolcezza Inattesa. La Pace Regna nei Cuori ed una Gioia Indicibile Si Spande su Tutto l’Universo. Io Sono il Re dell’Universo!”.

 

 

 

 

 

 

 

Gesù, Intridi Col Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per Mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Cristo, i Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti, i Carismatici e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero. 

 

 

 

 

 

 

 

Atto di Dolore

 

 

 

 

“O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con tutto il Cuore per i miei peccati, perché peccando ho Meritato i Tuoi Castighi e molto più perché ho Offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra ogni cosa. Propongo col Tuo Santo Aiuto di non OffenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, Misericordia, Perdonaci, Amen!”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Santi Simone e Giuda, Apostoli e Martiri,

San Rodrigo Aguilar, Sacerdote e Martire in Messico

 

 

 

 

Ef 2,19-22.

Fratelli, voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete Concittadini dei Santi e Familiari di Dio, Edificati Sopra il Fondamento degli Apostoli e dei Profeti, e Avendo Come Pietra Angolare lo Stesso Cristo Gesù. In Lui, Ogni Costruzione Cresce Ben Ordinata, per Essere Tempio Santo Nel Signore; in Lui anche voi – insieme con gli altri, Venite Edificati per Diventare Dimora di Dio per Mezzo dello Spirito”.

Sal 19(18),2-3.4-5.

I Cieli Narrano la Gloria di Dio, e l’Opera delle Sue Mani Annunzia il Firmamento. Il Giorno al Giorno Ne Affida il Messaggio e la Notte alla Notte Ne Trasmette Notizia.  Non E’ Linguaggio e non Sono Parole, di Cui non Si Oda il Suono.  Per Tutta la Terra Si Diffonde la Loro Voce e ai Confini del mondo la Loro Parola.

Lc 6,12-19.

Avvenne Che in Quei Giorni, Gesù Se Ne Andò sulla Montagna a Pregare e Passò la Notte in Orazione. Quando Fu Giorno, Chiamò a Sé i Suoi Discepoli e Ne Scelse Dodici, ai Quali Diede il Nome di Apostoli: Simone, Che Chiamò anche Pietro, Andrea Suo Fratello, Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo d’Alfeo, Simone soprannominato Zelota, Giuda di Giacomo e Giuda Iscariota, che fu il traditore. Disceso con Loro, Si Fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di Suoi Discepoli e Gran Moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone, che erano venuti per ascoltarLo ed Esser Guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti immondi, Venivano Guariti.  Tutta la folla cercava di toccarLo, perché da Lui Usciva una Forza Che Sanava tutti.

Traduzione Liturgica della Bibbia

Meditazione del Giorno:

San Cirillo d’Alessandria, Vescovo e Dottore della Chiesa

Commento al Vangelo di Giovanni, 12, 1; PG 74, 707-710

«Ne Scelse Dodici, ai Quali Diede il Nome di Apostoli».

Nostro Signore Gesù Cristo Stabilì le Guide, i Maestri del Mondo, e i «Dispensatori dei Suoi Divini Misteri» (1 Cor 4,1). Volle inoltre Che Essi Risplendessero Come Luminari e Rischiarassero non soltanto il paese dei giudei, … ma anche tutti gli altri che si trovano Sotto il Sole e tutti gli uomini che popolano la Terra. È Verace perciò Colui Che Afferma: «Nessuno può attribuirsi Questo Onore, se non Chi E’ Chiamato da Dio» (Eb 5,4)… Egli dunque Pensava di Dover Mandare i Suoi Apostoli allo Stesso Modo con Cui il Padre Aveva Mandato Lui (Gv 20, 21). Perciò Era Necessario Che Lo Imitassero Perfettamente e per Questo Conoscessero Esattamente il Mandato Affidato dal Padre al Figlio. Ecco perché Spiega Molte Volte la Natura della Sua Missione. Una Volta Ha Detto: «Non Sono Venuto a Chiamare i Giusti ma i peccatori a Convertirsi» (Lc 5,32). E ancora: «Sono Disceso dal Cielo non per Fare la Mia Volontà, ma la Volontà di Colui Che Mi Ha Mandato» (Gv 6,38). E un’altra volta: «Dio non Ha Mandato il Figlio nel mondo per Giudicare il mondo, ma perché il mondo Si Salvi per Mezzo di Lui» (Gv 3,17).   Riassumendo perciò in poche parole le Norme dell’Apostolato, Dice di AverLi Mandati Come Egli Stesso Fu Mandato dal Padre, perché da Ciò Imparassero Che il Loro Preciso Compito Era Quello di Chiamare i peccatori a Penitenza, di Guarire i Malati sia nel Corpo che nello Spirito, di non cercare nell’Amministrazione dei Beni di Dio la propria Volontà, ma Quella di Colui da Cui Sono Stati Inviati e di Salvare il mondo con il Suo Genuino Insegnamento.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto,
Sicut Erat in Princìpio, et Nunc, et Semper,
et in Saècula Saèculorum. Amen!
 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

Leave a reply