Il Vangelo del Giorno Sabato 24 ottobre 2015 (2022) A.D. – Nella Gloria della Trinità Divina: Bentornato, Signore Gesù!

 

 

Al Mondo Nuovo di Gesù Cristo, Che Si Accinge a Calare sulla Terra! Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

 

 

Molte Cose ci sembrano favole, mentre “lo Straordinario” E’ davvero là, a portata di mano! Mettiamoci dunque all’Opera, Fratelli, giacché dobbiamo compiere ogni sforzo per trovarci Partecipi alla Manifestazione del Cristo, Passando Così dalla morte alla Vita, mentre siamo ancora in Questo Corpo.    Per chiunque passi da un Modo di Vivere a un Altro, Qualunque sia la sua Trasformazione, lo scopo non è quello di rimanere Ciò che era, ma di Rinascere quale non era. Fondamentale, però, è conoscere per chi si Vive o si muore: perché vi è una Morte Che E’ Fonte di Vita, e una Vita che è causa di morte.    E solo nel Tempo presente si può scegliere l’una o l’altra: dalla Natura delle Azioni compiute in Questa Vita Che Passa dipende una Differente Retribuzione per l‘Eternità.    Si deve perciò morire al diavolo e Vivere per Dio; venir meno al male per Risorgere alla Giustizia. Che scompaia l’uomo vecchio, perché Sorga l’Uomo Nuovo. E poiché, Come Dice la Stessa Verità, nessuno può servire a due Padroni (Mt 6,24), il Signore non Sia per noi Colui Che Abbatte i superbi, ma – piuttosto, Colui Che Esalta gli Umili alla Gloria. Quindi, non serve affannarci tanto, far provviste o programmi: torneremo al Padre nudi, Così Come siamo Nati.

 

 

 

 

 

 

 

Messaggio di Nostra SignoraRegina della Pace

(a Pedro Regis,  Rio de Janeiro – 21 Ottobre 20 09)

 

 

 

 

 

Cari Figli, Coraggio. Niente è perduto. Rallegratevi, perché il Signore vi Ama e vi Attende con il Suo Immenso Amore di Padre. L’Umanità si è allontanata dal Creatore e i Miei Poveri Figli Vivono in un triste accecamento Spirituale. Siate Docili agli Appelli di Dio. Egli vi Vuole Salvare. Lui Asciugherà le vostre Lacrime. Verrà il Giorno in Cui non ci Sarà più Sofferenza sulla Terra. Il Signore Sta Trasformando la Terra e i Miei Poveri Figli Proveranno una Gioia Senza Fine. Le guerre cesseranno e la Pace Regnerà per sempre nel Cuore dei Miei Poveri Figli. Non vi scoraggiate. Abbiate Fiducia nel Signore. Egli Farà Tutto per il vostro Bene Spirituale. Pregate.   Cercate la Forza nelle Parole di Mio figlio Gesù ed Accogliete i Miei Messaggi Coraggiosamente. Io Sono vostra Madre e voi sapete Bene Come una Madre Ama i Suoi Figli. Siate Forti nella Fede. Non lasciate che La luce di Dio Si Spenga in voi. Ecco Che Arrivano i Tempi Che Io Ho Profetizzato. Non dubitate. Io Pregherò il Mio Gesù per voi. Andate Avanti. Tale E’ il Messaggio Che vi Trasmetto nel Nome della Trinità. Io vi Ringrazio di averMi Permesso di Riunirci Qui ancora una volta. Vi Benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!”.

 

 

 

 

 

 

Siracide

Capitolo 13 – Raccolta di Sentenze 

 

 

 

 

Frequentare i propri uguali

[1]Chi maneggia la pece si sporca, chi frequenta il superbo diviene simile a lui. [2]Non portare un peso troppo grave, non associarti ad uno più forte e più ricco di te. Come una pentola di coccio farà società con una caldaia? Questa l’urterà e quella andrà in frantumi. [3]Il ricco commette ingiustizia e per di più grida forte, il Povero riceve ingiustizia e per di più deve scusarsi. [4]Se puoi essergli utile, approfitterà di te; se hai bisogno, ti abbandonerà. [5]Se possiedi, Vivrà con te; ti spoglierà e non ne avrà alcuna pena. [6]Ha bisogno di te? Ti imbroglierà, ti sorriderà e ti darà una Speranza, ti rivolgerà belle parole e domanderà: «Di che cosa hai bisogno?». [7]Ti farà arrossire con i suoi banchetti, finché non ti avrà spremuto due o tre volte. Alla fine ti deriderà; poi vedendoti ti eviterà e scuoterà il capo davanti a te. [8]Sta’ attento a non lasciarti imbrogliare né umiliare per la tua stoltezza. [9]Quando un potente ti chiama, allontanati; egli ti chiamerà sempre di più. [10]Non essere invadente per non essere respinto, ma non allontanarti troppo per non essere dimenticato. [11]Non credere di trattare alla pari con lui e non fidarti delle sue molte parole; [12]con la sua molta loquacità ti metterà alla prova e quasi sorridendo ti esaminerà. [13]Spietato chi non mantiene le parole, non ti risparmierà maltrattamenti e catene. [14]Guardati e sta’ attento, perché cammini insieme alla tua rovina. [15]Ogni Creatura Vivente Ama il suo simile, ogni uomo il suo vicino. [16]Ogni essere si accoppia secondo la sua specie; l’uomo si associa a chi gli è simile. [17]Che cosa vi può essere in comune tra il lupo e l’Agnello? Lo stesso accade fra il peccatore e il Pio. [18]Quale Pace può esservi fra la iena e il cane? Quale intesa tra il ricco e il povero? [19]Sono preda dei leoni gli ònagri nel Deserto; così Pascolo dei ricchi sono i Poveri. [20]La condizione Umile è in abominio al superbo, così il Povero è in abominio al ricco. [21]Se il ricco vacilla, è sostenuto dagli Amici; se il Povero cade, anche dagli Amici è respinto. [22]Se cade il ricco, molti lo aiutano; dice cose insulse? Eppure lo si felicita. Se cade il Povero, lo si rimprovera; se dice cose assennate, non ci si bada. [23]Parla il ricco, tutti tacciono ed esaltano fino alle Nuvole il suo discorso. Parla il Povero e dicono: «Chi è costui?». Se inciampa, l’aiutano a cadere. [24]La ricchezza è buona, se è senza peccato; la povertà è cattiva a detta dell’empio. [25]Il Cuore dell’uomo cambia il suo volto o in Bene o in male. [26]Indice di un Cuore Buono è una faccia Gioiosa, ma la scoperta di proverbi è un lavoro ben faticoso.

 

 

 

 

 

 

 

Gesù, Intridi Col Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per Mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Cristo, i Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti, i Carismatici e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero. 

 

 

 

 

 

 

 

Atto di Dolore

 

 

 

 

 

“O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con tutto il Cuore per i miei peccati, perché peccando ho Meritato i Tuoi Castighi e molto più perché ho Offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra ogni cosa. Propongo col Tuo Santo Aiuto di non OffenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, Misericordia, Perdonaci, Amen!”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sant’Antonio Maria Claret, Vescovo e Fondatore,

San Luigi Guanella, Sacerdote e Fondatore di due Congregazioni

 

 

 

 

Rm 8,1-11. 

Fratelli, non c’è più nessuna Condanna per quelli che Sono in Cristo Gesù. Poiché la Legge dello Spirito Che Dà Vita in Cristo Gesù ti Ha Liberato dalla legge del peccato e della morte. Infatti Ciò Che Era impossibile alla Legge, perché la carne la rendeva impotente, Dio Lo Ha Reso Possibile: Mandando il Proprio Figlio in una Carne Simile a quella del peccato e in vista del peccato, Egli Ha Condannato il peccato nella carne, perché la Giustizia della Legge Si Adempisse in noi, che non Camminiamo secondo la carne ma Secondo lo Spirito. Quelli infatti che vivono secondo la carne, pensano alle cose della carne; quelli invece che Vivono Secondo lo Spirito, alle Cose dello Spirito. Ma i desideri della carne portano alla morte, mentre i Desideri dello Spirito Portano alla Vita e alla Pace. Infatti i Desideri della carne sono in rivolta Contro Dio, perché non si Sottomettono alla Sua Legge e neanche Lo potrebbero. Quelli che Vivono secondo la carne non possono Piacere a Dio. Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal Momento Che lo Spirito di Dio Abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non Gli Appartiene. E se Cristo E’ in voi, il vostro Corpo E’ Morto a Causa del peccato, ma lo Spirito E’ Vita a Causa della Giustificazione. E se lo Spirito di Colui Che Ha Risuscitato Gesù dai Morti Abita in voi, Colui Che Ha Risuscitato Cristo dai Morti Darà la Vita anche ai vostri Corpi mortali per Mezzo del Suo Spirito Che Abita in voi.

Sal 24(23),1-2.3-4ab.5-6. 

Del Signore E’ la Terra e Quanto Contiene, l’Universo e i Suoi Abitanti. È Lui Che L’Ha Fondata sui Mari, e sui Fiumi L’Ha Stabilita. Chi Salirà il Monte del Signore, Chi Starà nel Suo Luogo Santo? Chi Ha Mani Innocenti e Cuore Puro, Chi non pronunzia menzogna. Otterrà Benedizione dal Signore, Giustizia da Dio Sua Salvezza. Ecco la Generazione Che Lo Cerca, Che Cerca il Tuo Volto, Dio di Giacobbe.

Lc 13,1-9. 

In quel Tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù circa quei Galilei, il cui Sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro Sacrifici. Prendendo la Parola, Gesù Rispose: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, vi Dico, ma se non vi Convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto, sopra i quali Rovinò la torre di Sìloe e li uccise, Credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, vi Dico, ma se non vi Convertite, perirete tutti allo stesso modo».  Disse anche Questa Parabola: «Un tale aveva un fico piantato nella Vigna e venne a cercarvi Frutti, ma non Ne trovò. Allora Disse al Vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare Frutti su Questo Fico, ma non Ne Trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il Terreno? Ma Quegli Rispose: Padrone, Lascialo ancora quest’anno finché io gli zappi attorno e vi metta il Concime e vedremo se Porterà Frutto per l’avvenire; se no, Lo Taglierai».

Traduzione Liturgica della Bibbia  

Meditazione del Giorno:

Guglielmo di Saint-Thierry, Monaco Benedettino poi Cistercense

Orazioni Meditative, n° 5; SC 324, 99

«Se non vi Convertirete, perirete».

 

Povero me, la mia Coscienza mi Accusa senza sosta, senza che la Verità possa scusarmi dicendo: non sapeva quello che faceva. Perdona dunque, Signore, al Prezzo del Tuo Prezioso Sangue, tutti i miei peccati nei quali sono caduto, coscientemente o inconsciamente… Sì, Signore, ho veramente peccato, volontariamente e molto. Dopo Aver Ricevuto la Conoscenza della Tua Verità, ho offeso lo Spirito di Grazia; eppure, Durante il Battesimo, mi Aveva Concesso Gratuitamente la Remissione dei peccati. Ma io, dopo Aver Ricevuto la Conoscenza della Tua Verità, sono tornato ai miei peccati, «come il cane al suo vomito» (2 Pt 2,2; Pr 26,11).  O Figlio di Dio, Ti ho forse calpestato rinnegandoTi? Eppure non posso dire che Pietro RinnegandoTi Ti Abbia Calpestato, Lui Che Ti Amava Così Ardentemente, anche se Ti Ha Rinnegato una volta, due volte, tre volte… Anche la mia Fede satana L’ha cercata, per vagliarLa Come il Grano; ma la Tua Preghiera E’ Scesa Fino a me, sicché la mia Fede non E’ Venuta mai Meno (Lc 22,31-32), non Ti Ha Abbandonato… Sai quanto io abbia sempre voluto aderire alla Fede in Te; Tu dunque, Custodiscimi in Questa Volontà Fino alla Fine.    Sempre ho Creduto in Te…, sempre Ti ho Amato anche quando ho peccato Contro di Te. Mi Rammarico dei miei peccati, fino a morirne. Ma del mio Amore non ho nessun Rammarico, se non quello di non averTi Amato Quanto avrei Dovuto.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto,
Sicut Erat in Princìpio, et Nunc, et Semper,
et in Saècula Saèculorum. Amen!

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

Leave a reply