Il Vangelo del Giorno Venerdì 19 maggio 2017 (2024) A.D Vieni, Signore Gesù!

 

 

 

A Tutte le Creature in Cristo, affinché lo Spirito Santo Illumini le Menti e le Riconduca sulla Giusta e Serena Via. Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, Tra noi, ……. e Avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

 

 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle, oggi – con l’odierno Santo Vangelo, abbiamo modo di leggere il Decalogo della Docilità allo Spirito Santo – tratto dalla “Scuola di Preghiera”, Che ci Spiega Come Tener Fede ai Criteri Stabiliti dal Creatore d’Ogni Cosa.   Proprio in Merito a Ciò, dobbiamo Considerare che la giustizia terrena – anche in mano ai pratici e miscredenti, tiene conto delle Vittime delle azioni, mentre il Signore – Padre Assoluto d’Ogni Vita, Impone il Perdono Specialmente verso gli autori dei misfatti, quindi a Voler Testimoniare l’Assoluto e Salvifico Principio Cristico della Carità.   Dovremmo prestare non assai attenzione ai dettagli, apparentemente tali, poiché le Anime Si Perdono in Forza delle nostre disattenzioni e leggerezze, Permanendo – così e a lungo, Lontane dalla Dolce Luce del Redentore.   Se le genti sapessero dov’è che stiamo andando frenerebbero immediatamente l’assurdo correre, come a voler recuperare ai danni della grave inerzia posta in campo dal demonio, indisturbata causa d’ogni male – anche fisico.   Il Figlio dell’Uomo Promise Salvezza, l’uomo dà dolore, il Signore Paventò la Felicità, l’uomo genera illusione e inganno.   E’ Giunto il Tempo delle Scelte Solenni, giacché non si potrà più continuare a Servire due padroni, dovendo la menzogna ormai soccombere al Cospetto della Vera Verità, Che lo Spirito Santo Si Accinge a Rivelarci.   Sia Lodato Gesù Cristo.

 

 

 

 

 

Risultati immagini per immagini dello spirito santo

 

 

 

 

 
 
Decalogo della Docilità allo Spirito Santo

 

 

 

 

 

1) Lo Spirito Santo Parla sottovoce

Lo Spirito E’ Rispettosissimo della tua Libertà; E’ un Amore Forte e Discreto Quello dello Spirito, basta un po’ di orgoglio e di superficialità e la Sua voce non ti Raggiunge più. Lo Spirito Tace, Tace e Attende. Il Papa nell’Enciclica sullo Spirito Santo Dice: “Lo Spirito E’ la Suprema Guida dell’uomo, la Luce dello Spirito Umano”.

2) Se lo Spirito Martella c’è un problema che scotta

Quando lo Spirito Insiste E’ perché ci Segnala una piaga, bisogna aprire gli occhi. Ogni ritardo ad Accogliere la Sua Voce Fa gravi Danni alla tua Vita Spirituale; ogni prontezza nel Rispondere ti Rinnova e ti Apre a Percepire meglio la Sua Luce. Ma quante volte lo Spirito Martella: “Lascia quell’Amicizia. Lascia quell’Occasione, lascia quel vizio“. E allora quando lo Spirito Martella bisogna partire. Il Papa nell’Enciclica stessa dice: “Sotto l’Influsso dello Spirito Matura e si Rafforza l’uomo Interiore. Lo Spirito Costruisce in noi l’uomo Interiore, lo Fa Crescere e lo Rafforza”.

3) Il Segreto della Gioia E’ Dare Continue Gioie allo Spirito Santo

Ma bisogna partire dalla concretezza, dalle piccole cose. Ogni Atto di Umiltà, ogni Atto di Generosità Alimenta la Gioia Che lo Spirito Santo Semina in noi. Quando Fate un Atto di Bontà, voi, se non state attenti, dopo vi inorgoglite un po’. Quando fate un Atto di Bontà adesso non fate più così; fermatevi e dite: “Grazie, Spirito Santo”. Io ho inventato per me questa Preghiera; quando faccio una Gentilezza adesso dico: “Grazie, Spirito Santo, ancora ancora, ancora”, per dirGli: “Continua a Ispirarmi la Bontà, Continua a Mettermi un’Occasione di Fare Qualcosa di Bello per Te“. Ecco, Continuamente lo Spirito Santo E’ all’Opera, ma bisogna lasciarLo Operare. Il Papa nell’Enciclica – al numero 67, Dice: “La Gioia Che nessuno può togliere E’ Dono dello Spirito Santo”.

4) Lo Spirito non Si Stanca di Parlarti, di Istruirti, di Formarti

Lo Spirito, Voglio Dire, E’ la Fedeltà dell’Amore e Usa i Mezzi più Semplici: Ispirazioni, Consigli di persone Che ti Amano, Esempi, Testimonianze, Letture, Incontri, Avvenimenti… Il Papa – nell’Enciclica, al numero 58, Dice: “Lo Spirito Santo E’ l’Incessante Donarsi di Dio”.

5) La Parola di Dio E’ la Prima Antenna dello Spirito Santo

Voglio dire: impara a leggere la Parola di Dio, Implorando lo Spirito; non leggere mai la Parola senza lo Spirito. Nutriti della Parola, Invocando lo Spirito. Prega la Parola nello Spirito. Quando prendi in mano la Parola, primo: alza l’Antenna dell’Ascolto dello Spirito; poi Prega, Prega lo Spirito. E’ con la Parola e la Preghiera Che impari a distinguere la Voce dello Spirito. Il Papa nell’Enciclica – al numero 25, dice: “Con la forza del Vangelo lo Spirito Santo Rinnova Costantemente la Chiesa”. Vedete, la Parola di Dio E’ l’Antenna Costante Che Rinnova la Chiesa, per Cui la Chiesa Si Collega con lo Spirito Santo.

6) Non cessare di Ringraziare lo Spirito per Quanto Fa per te

La tua Vita E’ un Intreccio Misterioso e Continuo di Doni dello Spirito Santo: dal Battesimo fino alla morte. Dalla tua Nascita fino alla Morte C’E’ un Filo d’Oro: i Doni dello Spirito; un Filo d’Oro Che Percorre tutta la tua Vita. Tu percepisci appena alcuni Doni, ma devi sforzarti di trovarne Tanti. E dei Doni Che Percepisci comincia a Ringraziare. Il Papa nell’Enciclica al numero 67 Dice: “Davanti allo Spirito io mi Inginocchio per Riconoscenza”.

7) Il maligno copia dallo Spirito, e fa di tutto per contrastare la Sua Opera

Satana è la scimmia di Dio, copia Da Dio. Anche lui manda le sue ispirazioni, anche lui manda i suoi messaggi, manda i suoi messaggeri. Certe volte, quando aprite i mass media c’è il messaggero che vi aspetta, ma la Potenza dello Spirito Santo Sbaraglia con un soffio Satana. Basta affidarci a Lui (allo Spirito Santo) totalmente e prontamente; poi Vinciamo qualunque seduzione di Satana, se siamo ben legati allo Spirito Santo. Incontro sempre più persone che sono impaurite di Satana: non c’è da aver paura di Satana, perché abbiamo lo Spirito Santo. Quando ci leghiamo allo Spirito Santo, Satana non può più nulla. Quando Invochiamo lo Spirito Santo, Satana E’ Bloccato. Quando sulle persone Imploriamo lo Spirito Santo Satana è inefficace. Il Papa nell’Enciclica al numero 38 Ha Scritto: “Satana, il perverso genio del sospetto, sfida l’uomo a diventare l’avversario di Dio”.

8) Un’offesa frequente allo Spirito è il non rapportarsi a Lui Come ad una Persona

Insisterò sempre su questo punto, perché noi non trattiamo lo Spirito Santo Come una Persona. Eppure Gesù ci Ha Affidati a Lui e Ha Detto Che “Vi Insegnerà Ogni Cosa, vi Ricorderà Quello Che vi Ho Detto“, ci Accompagnerà, ci Convincerà sul peccato, ci Strapperà cioè dal peccato. Gesù ci Ha Affidati a Lui e Ha Detto Che E’ il nostro Sostegno, il nostro Maestro, eppure molto spesso noi non ci Rapportiamo a Lui Come una Persona Viva, Viva Che Vive in Mezzo a noi. Lo consideriamo una Realtà lontana, sfuggente, irreale. Il Papa Ha Detto Queste Bellissime Parole, al numero 22 dell’Enciclica: “Lo Spirito E’ non Solo un Dono alla persona ma E’ la Persona Dono”. La Persona Che Si Fa Dono, il Donarsi Incessante a Dio. E allora abituatevi a Cominciare sempre la Giornata dicendo: “Buongiorno, Spirito Santo”, Che E’ Vicino a voi, in voi, e a Terminare la Giornata dicendo: “Buonanotte Spirito Santo”, Che E’ in voi e Che Guida anche il vostro Riposo.

9) Gesù Ha Promesso Che il Padre Dà lo Spirito a chiunque Lo chiede

Non Ha Detto Che il Padre Dà lo Spirito a chi Lo Merita; Ha Detto Che Dà lo Spirito a chi Lo Chiede. Allora Bisogna chiederLo con Fede e con Costanza. Il Papa al numero 65 dell’Enciclica Dice: “Lo Spirito Santo E’ il Dono Che Viene nel Cuore dell’Uomo, Insieme con la Preghiera”.

10) Lo Spirito E’ l’Amore di Dio Effuso nei nostri Cuori

Più Viviamo nell’Amore, più Viviamo nello Spirito Santo. Più seguiamo il nostro egoismo più ci allontaniamo dallo Spirito Santo. Però lo Spirito non Si Arrende mai, Continuamente ci Stimola nell’Amore. Il Papa nell’Enciclica Dice: “Lo Spirito Santo E’ Persona-Amore, in Lui la Vita Intima di Dio Si Fa Dono”. Mi Dona Incessante la Sua Vita Intima, perché l’Amore di Dio Effuso nei nostri Cuori E’ lo Spirito Santo.

(Tratto dalla trasmissione “Scuola di Preghiera”, a cura di P. Gasparino).

 

 

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

 

 

 

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Cristo, San Giuseppe coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono Nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.
 

 

Atto di Dolore

 

 

 

 

“O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con tutto il Cuore per i miei peccati, perché peccando ho Meritato i Tuoi Castighi e molto più perché ho Offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra ogni cosa. Propongo col Tuo Santo Aiuto di non OffenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, Misericordia, Perdonaci, Amen!”.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Signore nostro Gesù Cristo

e delle Donne a Lui Care, degli Arcangeli, degli Angeli e Santi

del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

 

 

http://www.partecipiamo.it/gif/sacro/16.gif

 

 

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Dio di Infinita Maestà, Creatore dell’Universo e di Ogni Singola Anima, Tuo Figlio Ha Rivelato agli Apostoli il Tuo Disegno sull’Umanità.    Attraverso gli Apostoli e i Loro Successori, il Collegio dei Vescovi, Guidaci Verso la Sola Verità Che Può Renderci Liberi e Uniti in Cristo, Che Vive e Regna nei Secoli dei Secoli.

Dagli Atti degli Apostoli (At 15,22-31)

In Quei Giorni, agli Apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, Parve Bene di Scegliere alcuni di loro e di Inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di Grande Autorità tra i Fratelli.   E inviarono tramite loro Questo Scritto: «Gli Apostoli e gli anziani, vostri Fratelli, ai Fratelli di Antiòchia, di Siria e di Cilìcia, che provengono dai pagani, Salute! Abbiamo Saputo che alcuni di noi, ai quali non avevamo dato nessun Incarico, sono venuti a Turbarvi con Discorsi che hanno Sconvolto i vostri Animi. Ci è Parso Bene perciò, tutti d’Accordo, di Scegliere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri Carissimi Bàrnaba e Paolo, uomini che hanno Rischiato la loro Vita per il Nome del nostro Signore Gesù Cristo. Abbiamo dunque Mandato Giuda e Sila, Che vi Riferiranno anch’essi, a voce, Queste Stesse Cose. È Parso Bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non Imporvi altro Obbligo al di fuori di Queste Cose Necessarie: Astenersi dalle carni Offerte agli idoli, dal sangue, dagli Animali Soffocati e dalle Unioni Illegittime. Farete Cosa Buona a Stare Lontani da Queste Cose. State Bene!».   Quelli allora si Congedarono e scesero ad Antiòchia; Riunita l’Assemblea, Consegnarono la Lettera.    Quando l’ebbero Letta, si Rallegrarono per l’Incoraggiamento Che Infondeva.    Parola di Dio.

Dal Salmo 56

Saldo E’ il mio Cuore, o Dio, Saldo E’ il mio Cuore. Voglio Cantare, Voglio Inneggiare: Svégliati, mio Cuore, Svegliatevi, Arpa e Cetra, Voglio Svegliare l’Aurora. Ti Loderò fra i Popoli, Signore, a Te Canterò Inni fra le Nazioni: Grande Fino ai Cieli E’ il Tuo Amore e Fino alle Nubi la Tua Fedeltà. Innàlzati Sopra il Cielo, o Dio, su Tutta la Terra la Tua Gloria.

Canto al Santo Vangelo (Gv 15,15)

Alleluia, Alleluia. Vi Ho Chiamato Amici, Dice il Signore, perché Tutto Ciò Che Ho Udito dal Padre Mio L’Ho Fatto Conoscere a voi. Alleluia.

Dal Vangelo Secondo Giovanni (Gv 15,12-17)

In Quel Tempo, Disse Gesù ai Suoi Discepoli: «Questo E’ il Mio Comandamento: Che vi Amiate gli Uni gli Altri Come Io Ho Amato voi.    Nessuno Ha un Amore più Grande di Questo: Dare la sua Vita per i propri Amici.   Voi Siete Miei Amici, se Fate Ciò Che Io Vi Comando.    Non vi Chiamo più Servi, perché il Servo non Sa Quello Che Fa il suo Padrone; ma vi Ho Chiamato Amici, perché Tutto Ciò Che Ho Udito dal Padre Mio L’Ho Fatto Conoscere a voi.   Non voi Avete Scelto Me, ma Io Ho Scelto voi e vi Ho Costituiti perché Andiate e Portiate Frutto e il vostro Frutto Rimanga; perché Tutto Quello Che Chiederete al Padre nel Mio Nome, ve Lo Conceda.    Questo vi Comando: Che vi Amiate gli Uni gli Altri».   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Signore Gesù Cristo, dopo l’Ultima Cena Hai Chiamato “Amici” i Tuoi Discepoli più Cari, perché Tu Avevi Fatto Conoscere loro Tutto Ciò Che Avevi Sentito dal Padre e Avevi loro Comandato di Amarsi gli Uni gli Altri Come Tu Li Avevi Amati. Concedici di Rafforzarci nella Fede Apostolica della Chiesa e di Poter Realizzare Così il Tuo Comandamento dell’Amore, Ora e per Sempre.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

 

 

 

Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto,
Sicut Erat in Princìpio, et Nunc, et Semper,
et in Saècula Saèculorum. Amen!
 

 

 

 

stelle (5)

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

Leave a reply