La Venuta Intermedia di Gesù Cristo.

 

 

 

braccia-verso-i-l-cielo

Io Sono la Vera Vite e il Padre Mio E’ il Vignaiolo.  Ogni tralcio che in Me non porta Frutto Lo toglie, e ogni tralcio che porta Frutto Lo pota, perché porti più Frutto. Voi siete già Mondi, per la Parola Che vi Ho Annunziato. Rimanete in Me e Io in voi.  Come il tralcio non può far Frutto da sé stesso se non rimane nella Vite, così anche voi se non rimanete in Me. Io Sono la Vite, voi i tralci. Chi rimane in Me e Io in lui, fa molto Frutto, perché senza di Me non potete far nulla.  Chi non rimane in Me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in Me e le Mie Parole rimangono in voi, chiedete Quel che volete e vi sarà Dato. In Questo E’ Glorificato il Padre Mio: che portiate molto Frutto e diventiate Miei Discepoli“. Gv 15,1-8.

 Jesus in<br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br />
 art

Il Ritorno di Gesù Cristo

In questi ultimi tempi, ma già dalle Apparizioni di Fatima, la Vergine Maria nei Suoi Messaggi ci Fa Comprendere la Sua grande preoccupazione per tutta l’umanità. E’ vero che nei Messaggi dati ai Profeti degli Ultimi Tempi vi sono dei riferimenti catastrofici, che riguardano lo scenario mondiale, ma il Cristiano Vero non deve certamente temere per la sua Salvezza. Lo Scopo dei Messaggi Mariani non è diffondere un sentimento di terrore nel lettore, quanto di preparare tutti, ma soprattutto i lontani e i peccatori, alla Redenzione. Gesù Ha sempre Sostenuto, quando E’ Stato accusato di frequentare prostitute e malfattori , di Essere Venuto per gli ammalati non per i sani. La Bibbia E’ piena di Riferimenti che allertano il mondo contro il male in attesa del Nuovo Regno. Anche la Chiesa di oggi, Attraverso il nostro Papa, Si Fa portavoce di un Messaggio forte e incisivo. Nell’omelia pronunciata in occasione dell’apertura del Sinodo dei Vescovi del 2005, il nostro Pontefice, prendendo spunto dal passo biblico del Profeta Isaia, afferma che la Profezia da Lui Annunciata e Che Riguardò a suo tempo la distruzione di Gerusalemme, minaccia anche noi, la Chiesa in Europa, l’Europa e l’Occidente. Se il Sommo Pontefice – come Vicario di Cristo, può considerare i nostri Tempi a rischio tanto da temere che possa attuarsi la minaccia di Gesù fatta alla Chiesa di Efeso “Verrò da te e Rimuoverò il tuo Candelabro” aggiungendo che anche a noi può Essere Tolta la Luce, Vuol Dire Che Egli E’ Davvero preoccupato. Lo Stesso Gesù, durante la Sua Vita terrena, Condannò in maniera decisa i comportamenti degli scribi e dei farisei affermando “Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i Profeti e lapidi quelli che ti Sono Inviati, quante volte Ho Voluto Raccogliere i tuoi figli, come una gallina raccoglie i pulcini sotto le Ali, e voi non avete voluto! Ecco: la vostra casa vi Sarà Lasciata deserta! Vi Dico, infatti, che non Mi vedrete più finché non direte: Benedetto Colui Che Viene nel Nome del Signore!”. E se Queste ultime Parole Pronunciate da Gesù Si Riferissero proprio al nostro pontefice Benedetto XVI, quasi ad identificare in lui “colui che Viene nel Nome del Signore” e – quindi, il Profeta Inviato per prepararci al Ritorno di Gesù sulla terra? Anche negli Atti degli Apostoli Ritornano le Parole di Mosè “il Signore vostro Dio vi Farà Sorgere un Profeta come me in mezzo ai vostri fratelli; voi Lo ascolterete in tutto Quello che Egli vi Dirà. E chiunque non ascolterà Quel Profeta, Sarà Estirpato di mezzo al popolo. La Vergine Maria, come Madre della Chiesa non può che avere lo stesso interesse del Papa di proteggere i Suoi figli preparandoli alla Verità e se la Verità E’ Contenuta nei Messaggi Escatologici sarebbe il caso di AccoglierLi, Accogliendo anche il Profeta Che Parla “nel Nome del Signore”, onde preparare la Venuta di Gesù. Facciamo nostre le Parole del Papa Rivolte a Dio per tutto il mondo: “Aiutaci a Convertirci! Dona a tutti noi la Grazia di un Vero Rinnovamento! Non Permettere Che la Tua Luce in mezzo a noi Si Spenga! Rafforza Tu la nostra Fede, la nostra Speranza e il nostro Amore, perché possiamo portare Frutti buoni!”

Il Giudizio di Dio E’ ormai Prossimo

Allora Gesù Si Rivolse alla folla e ai Suoi discepoli Dicendo: 2″Sulla Cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. 3Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno. 4Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito. 5Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: allargano i loro filattéri e allungano le frange; 6amano posti d’onore nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe 7e i saluti nelle piazze, come anche sentirsi chiamare “rabbì” dalla gente. 8Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché Uno Solo E’ il vostro Maestro e voi siete tutti Fratelli. 9E non chiamate nessuno “padre” sulla terra, perché Uno Solo E’ il Padre vostro, Quello del Cielo. 10E non fatevi chiamare “maestri”, perché Uno Solo E’ il vostro Maestro, il Cristo. 11Il più grande tra voi sia vostro servo; 12chi invece si innalzerà sarà abbassato e chi si abbasserà sarà Innalzato. 13Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il Regno dei Cieli davanti agli uomini; perché così voi non Vi entrate, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono Entrarci 14. 15Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il Mare e la Terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi. 16Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il Tempio non vale, ma se si giura per l’oro del tempio si è obbligati. 17Stolti e ciechi: che cosa è più grande, l’oro o il Tempio Che Rende Sacro l’oro? 18E dite ancora: Se si giura per l’Altare non vale, ma se si giura per l’offerta che vi sta sopra, si resta obbligati. 19Ciechi! Che cosa è più grande, l’offerta o l’Altare Che Rende Sacra l’offerta? 20Ebbene, chi giura per l’Altare, giura per l’Altare e per quanto vi sta sopra; 21e chi giura per il Tempio, giura per il Tempio e per Colui Che L’Abita. 22E chi giura per il Cielo, giura per il Trono di Dio e per Colui Che Vi E’ Assiso. 23Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima della menta, dell’anèto e del cumìno, e trasgredite le Prescrizioni più gravi della Legge: la Giustizia, la Misericordia e la Fedeltà. Queste Cose bisognava praticare, senza omettere Quelle. 24Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello! 25Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto mentre all’interno sono pieni di rapina e d’intemperanza. 26Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi netto! 27Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. 28Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità. 29Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate i Sepolcri ai Profeti e adornate le tombe dei giusti, 30e dite: Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non ci saremmo associati a loro per versare il Sangue dei Profeti; 31e così Testimoniate, contro voi stessi, di essere figli degli uccisori dei Profeti. 32Ebbene, colmate la misura dei vostri padri! 33Serpenti, razza di vipere, come potrete scampare dalla Condanna della Geenna? 34Perciò ecco, Io vi Mando Profeti, Sapienti e Scribi; di Questi alcuni ne ucciderete e crocifiggerete, Altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe e Li perseguiterete di città in città; 35perché ricada su di voi tutto il Sangue Innocente Versato sopra la Terra, dal Sangue del Giusto Abele fino al Sangue di Zaccaria, figlio di Barachìa, Che avete Ucciso tra il Santuario e l’Altare. 36In Verità vi Dico: tutte Queste Cose Ricadranno su questa generazione. 37Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i Profeti e lapidi Quelli Che ti Sono Inviati, quante volte Ho Voluto Raccogliere i tuoi figli, come una gallina raccoglie i pulcini sotto le Ali, e voi non avete voluto! 38Ecco: la vostra casa vi Sarà Lasciata deserta! 39Vi Dico infatti che non Mi vedrete più finché non direte: Benedetto Colui Che Viene nel Nome del Signore!”.Matteo 23,1-37 Atti degli Apostoli 3,17- 23 “Ora, Fratelli, io so che voi avete agito per ignoranza, così come i vostri capi; 18Dio però Ha Adempiuto Così Ciò Che Aveva Annunziato per Bocca di Tutti i Profeti, Che cioè il Suo Cristo Sarebbe morto. 19Pentitevi dunque e cambiate Vita, perché siano cancellati i vostri peccati 20e così possano giungere i Tempi della Consolazione da Parte del Signore ed Egli Mandi Quello Che vi Aveva Destinato come Messia, cioè Gesù. 21Egli Deve Essere Accolto in Cielo fino ai Tempi della Restaurazione di Tutte le Cose, Come Ha Detto Dio Fin dall’Antichità, per Bocca dei Suoi Santi Profeti. 22 Mosè infatti Disse: Il Signore vostro Dio vi Farà Sorgere un Profeta come me in mezzo ai vostri fratelli; voi Lo ascolterete in Tutto Quello Che Egli vi Dirà. 23E chiunque non ascolterà Quel Profeta sarà estirpato di mezzo al popolo. 24Tutti i Profeti, a cominciare da Samuele e da Quanti Parlarono in seguito, Annunziarono Questi Giorni. 25Voi siete i figli dei Profeti e dell’Alleanza Che Dio Stabilì con i vostri padri, Quando Disse ad Abramo: Nella tua discendenza Saranno Benedette tutte le famiglie della terra. 26Dio, dopo Aver Risuscitato il Suo Servo, L’Ha Mandato prima di Tutto a voi per Portarvi la Benedizione e perché ciascuno si Converta dalle sue iniquità”. Matteo 13 , 34 – 35 ” Tutte Queste Cose Gesù Disse alla folla in Parabole e non Parlava ad essa se non in Parabole, perché Si Adempisse Ciò Che Era Stato Detto dal Profeta: “Aprirò la Mia bocca in Parabole, Proclamerò Cose nascoste fin dalla Fondazione del mondo”. Matteo 13,34-35.