Preghiera alla Vergine della Rivelazione (Scritta da Bruno Cornacchiola il  25 agosto 1949  – alle ore 11:00, in via Principe Amedeo – Roma, nella sala delle Suore Francesi, mentre Esse erano nel Ritiro Spirituale).

 

 

 

Vergine Madre, e mia Regina, Tu Che Sei Tutta Pura, perché Rifletti Quel Sole Che E’ Sorgente di Vita Eterna, Dio Padre;

Tu Che Sei Tutta Santa, perché in Te E’ Incastonata Quella Via Che Conduce alla Vita Eterna: Gesù Cristo, Tuo Figlio Signor nostro;

Tu Che Sei Tutta Immacolata dal Concepimento nell’Eternità, perché in Te Ritroviamo le Virtù e la Sapienza di Dio, in Te Risiede lo Spirito Santo;

Deh! Ascolta quel che questo indegno Figlio vuole dirTi, Umiliato ai Tuoi Piedi, per la sua Santificazione e per la Salvezza Santificante di tutto il mondo, Che Solo a Dio Appartiene.

Fai Che – nell’aprire la mia bocca, Sia Solo Lode a Dio Trino e Uno: Padre, Figlio, Spirito Santo; Via, Verità e Vita Eterna, per Tutti i Benefici Che – Continuamente, Sono Sopra di me.

Tu Prega per me – Madre, l’Iddio Benefico, affinché possa Corrispondere ai Suoi Benefici.

Tu Implora per me, Madre, il Sommo Iddio Onnipotente, affinché Entri in me, e in tutti quelli che Lo vogliono, la Potenza della Sua Parola, della Sua Verità, della Sua Santità, per parlare, per dire il Vero, per Santificarmi e Santificare gli altri.

Tu Che Sei Madre, o Dolcissima Sposa, Madre, e Figlia di Dio Padre, di Dio Figlio, di Dio Spirito Santo, in un Solo Dio d’Amore, Tu Che Sei Presso il Trono “Regina”, Parla di questo Povero peccatore:

– all’Eterno Padre, Che mi Perdoni;

– a Gesù – Tuo Figlio, Che mi Salvi e Lavi con il Suo Sangue Preziosissimo;

– allo Spirito Santo – Tuo Sposo Diletto, Che mi Adombri con la Sua Fortezza, con la Sua Sapienza, e, infine, con la Sua Potenza di Carità.

Come Sei Bella, Madre!  Apri il Tuo Cuore e Mettimi Dentro, per Ricevere il Calore del Tuo Amore Santificante e Potentissimo Presso la Trinità Divina.

Portami Vicino al Ruscello della Carità, affinché possa Bere, Come Fanno i Fiori Piantati alla Riva del Ruscello, Quell’Acqua Che Disseta e Crescere Come Fiore, per Dare Gloria a Dio Trino e Uno, per Te Che Sei Nostra Madre Celeste.

Il Tuo Profumo di Santità, Vergine Madre, Fai Che Possa Essere il mio Profumo!

Il Tuo Giglio – Che E’ il Candore Eterno Presso il Trono di Dio, Fai Che Possa Essere io il Suo Profumo – Che Dà Gloria Continua al Trono Divino.

Fai – Madre, Che non sia come un terreno che è abbandonato a se stesso, che tutti calpestano se è incolto.

Ogni razza di animali e insetti vi prendono dimora; no – Madre, ma voglio essere un Giardino – ove i Fiori Abbondano e Mandano Profumo e Alimento.

Fammi Crescere col Tuo Latte d’Amore Materno, per AmarTi e – in Quest’Amore, Dar Gloria a Dio Padre, al Figliolo e allo Spirito Santo, a Dio Uno e Trino nella Carità Divina.

Amen.

Leave a reply