Testimonianza (Riceviamo e pubblichiamo).

 

 

 

… come ogni pomeriggio – alle ore 16:00, Durante la Meditazione sulla Corona di Spine di Gesù, con l’Intento di Incitare i Cuori a non divagare nelle cose del mondo, ma a Meditare Quel Che Fu (ed E’) il Dolore del Giusto Re, un Desiderio Forte mi Spingeva a Pormi Dinanzi al Grande Crocifisso in marmo bianco, Appeso dal soffitto in Perpendicolare all’Altare.
Erano Momenti Tutti miei e di Gesù, Intensi e Pregni di Preghiera! Guardando poi il Capo del Signore, mi vedevo Sospesa alla Sua Altezza, senza peso e né fatica; cercavo – con Molta Venerazione e Delicatezza, di Togliere la Corona dal Suo Capo.
Osservando Che i Capelli Erano Intrisi del Suo Sangue, Delicatamente e Serbando nel mio Cuore Tanto Amore e Profonda Compassione, GlieLi Sfilavo dalle Spine ma – arrivata a metà, terminava il Tutto, per ritrovarmi – poi, al mio solito banco, con le Lacrime Che Copiose Affioravano, poiché dispiaciuta per non essere Riuscita nell’Intento e pronunciando – quasi a voce alta: …. la prossima volta, la prossima volta – poi, riprenderò le mie preghiere, alzando di tanto in tanto lo sguardo verso il Crocifisso.
Benedetto nei Secoli il Signore.